Live hören
Jetzt läuft: Uyena von Mthandazo Gatya feat. Shuffle Muzik & Nhlonipho

Adidas riduce la sua presenza in Italia

Ascolta l'intervista a Matteo Moretti

COSMO Radio Colonia - Beitrag 29.01.2020 05:04 Min. Verfügbar bis 28.01.2021 COSMO

Download Podcast

Adidas riduce la sua presenza in Italia

di Giulio Galoppo e Francesca Montinaro

L’annuncio è arrivato lo scorso 13 dicembre: la multinazionale tedesca chiuderà alcuni stabilimenti europei. In Italia, sono 41 i dipendenti che rischiano il licenziamento. Filcams (CGIL) e la Regione Lombardia vogliono impedirlo. Ce ne parla Matteo Moretti, segretario generale della Filcams di Monza e Brianza.

Adidas-Flyer während eines Streiks

Dipendenti di Adidas in piazza a Milano contro i licenziamenti

La società tedesca ha predisposto in tutta Europa il licenziamento di 500 operai, con l’intento di snellire l’organico in vista dell’apertura di una nuova sede in Portogallo. Dei 41 dipendenti italiani che rischiano il licenziamento, 35 lavorano nella sede di Monza, 4 in quella di Roma e 2 nella provincia di Padova.

A dicembre si è aperta una vertenza che vede opposti i dipendenti e i sindacati ai vertici dell'azienda e, pochi giorni fa, la Regione Lombardia ha deciso di proporsi come mediatore e convocare un tavolo per le trattative.

Intanto i lavoratori scendono in strada, lo hanno fatto già a metà dicembre e hanno ripetuto lo sciopero il 23 gennaio.

Un anno fa, la Adidas di Monza aveva già licenziato 20 dipendenti. Incomprensibile - secondo Matteo Moretti, segretario della Filcams Cgil di Monza e Brianza - quale siano i motivi di una tale operazione, considerando che l’azienda tedesca in Italia ha un fatturato altissimo.

Stand: 29.01.2020, 18:45