Live hören
Jetzt läuft: Hangmat von Jungle By Night

Tombaroli 2.0

Ascolta l'intervista a Giuseppe Capoccia

COSMO Radio Colonia - Beitrag 21.11.2019 05:55 Min. Verfügbar bis 20.11.2020 COSMO

Download Podcast

Tombaroli 2.0

di Cristina Giordano e Filippo Proietti

Anfore, statuette e monete del periodo magnogreco trafugate nelle necropoli del crotonese e piazzate in tutta Europa da un'organizzazione criminale con collegamenti anche in Germania. I dettagli dal procuratore di Crotone, Giuseppe Capoccia.

Carabinieri (italienische Polizei) sichern Nekropolis in Italien, Crotone c

Necropoli messa in sicurezza dai Carabinieri

Sgominata una rete ben organizzata di "tombaroli", responsabili del trafugamento di migliaia di reperti archeologici che da Crotone, in Calabria, si ramificava in tutta Europa, arrivando anche in Germania. L’operazione internazionale iniziata nel 2017 e coordinata da Eurojust e Europol, con la collaborazione di Carabinieri, Bayerische Landeskriminalamt e delle forze dell’ordine di Francia, Gran Bretagna e Serbia, ha portato all’arresto lunedì 18 novembre, di 23 persone, e al ritrovamento di circa 10.000 reperti archeologici.

Archäologische Objekte geschmuggelt und gefunden in Italien, Crotone

Alcuni dei reperti recuperati dai Carabinieri di Crotone

La base dell’organizzazione criminale era gestita da due uomini residenti nella provincia di Crotone, ma con contatti e intermediari in altre regioni d’Italia, in Francia, Gran Bretagna, Serbia, e anche in Germania, in particolare a Monaco.

Anfore, statuette e monete del periodo magnogreco trafugate da necropoli prevalentemente del crotonese venivano piazzate su case d’asta, anche in internet, per poi arrivare a collezionisti senza scrupoli. Il procuratore capo di Crotone, Giuseppe Capoccia, ci illustra i dettagli di questa complicata operazione, che grazie all’uso di droni e nuove tecnologie ha potuto mettere a segno un colpo importante nella lotta alle archeomafie.

Stand: 21.11.2019, 18:15