Live hören
Jetzt läuft: Telillite von Les Filles de Illighadad

Palermo: impressioni da Manifesta 12

Palermo: impressioni da Manifesta 12

Il 2018 è stato un anno speciale per Palermo, scelta come capitale della cultura. Ecco alcune impressioni da Palazzo Butera e Palazzo Costantino raccolte durante la biennale europea Manifesta 12, che si conclude a novembre. Le fotografie sono di Mariantonietta Bellia.

Palazzo Butera

Tanto per cominciare: il soffitto di Palazzo Butera, costruito nel 1765, un palazzo fra il mare e il centro storico.

Tanto per cominciare: il soffitto di Palazzo Butera, costruito nel 1765, un palazzo fra il mare e il centro storico.

L'installazione "Theatre of the Sun" a Palazzo Butera...

... è un insieme di tappezzeria e mappe di alberi da frutto.

Sono gli alberi da frutto che crescono nella città, in spazi pubblici e privati.

Un progetto nato a Los Angeles sugli alberi che diventano risorse condivise.

"Theatre of the sun" è parte di "Endless Orchard" che crea una mappatura di frutti commestibili nelle città di tutto il mondo.

Sempre a Palazzo Butera, l'installazione "Wishing Trees" di Uriel Orlow.

Un progetto su tre alberi siciliani: un cipresso piantato da San Benedetto, un Ficus Macrophylla vicino alla casa dove abitavano il giudice Giovanni Falcone e la moglie Francesca Morvillo. E i resti di un ulivo a ricordare l'armistizio firmato qui nel settembre 1943 con gli Alleati.

Ma a Palazzo Butera c'è spazio anche per i due giudici uccisi dalla mafia, simbolo della lotta contro cosa nostra: Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

E all'esterno, un grande murale dedicato a loro.

"Una proposta di sincretismo (questa volta senza genocidio)" è un progetto di Maria Thereza Alves, sempre a Palazzo Butera.

L'installazione video di Renato Leotta a Palazzo Butera...

e la vista dal palazzo sul mare di Palermo!

Palazzo Costantino è in via Maqueda e si affaccia sui Quattro Canti.

È rimasto abbandonato per più di mezzo secolo dopo che i soldati alleati che quelli tedeschi ...

... durante la II Guerra Mondiale lo hanno occupato, danneggiando mobili e affreschi.

Le sale principali erano infatti decorate con stucchi, mobili e pavimenti in maiolica.

La facciata è stata parzialmente restaurata nel 2000.

Fuori dal palazzo, in via Maqueda si scoprono tettoie...

... e affascinanti cortili.

Ma anche resti di antiche, suggestive tradizioni.

Stand: 18.10.2018, 17:38 Uhr