Live hören
Jetzt läuft: Sem Contenção von Bebel Gilberto

Eventi italiani in Germania

A cura di Elisabetta Gaddoni

COSMO Radio Colonia - Beitrag 09.01.2020 04:49 Min. Verfügbar bis 01.01.2021 COSMO

Download Podcast

Eventi italiani in Germania

Il calendario di Elisabetta Gaddoni ti informa sui principali eventi culturali in Germania che, dal venerdì al giovedì successivo, hanno come protagonista l'Italia o persone italiane.

Federico Fellini e Marcello Mastroianni

Federico Fellini e Marcello Mastroianni nel 1986

Anticipazioni

E qui puoi già scoprire alcuni concerti di artisti italiani o altri eventi di rilievo previsti in Germania per i prossimi mesi.

VENERDÌ 10 GENNAIO

Berlino: Concerto di Capodanno
Due eccezionali talenti dell'Accademia Chigiana, Gennaro Cardaropoli, violino e Alberto Ferro, pianoforte, presentano musiche di Beethoven, Petrassi, Stravinskij, Paganini und Rota. Gennaro Cardaropoli, classe 1997, è l'unico italiano ad essersi aggiudicato il primo premio al prestigioso Concorso Arthur Grumiaux di Bruxelles (2015): uno dei numerosi riconoscimenti ricevuti, tra i quali spiccano il Premio Nazionale delle Arti del MIUR (2013), il Premio Abbado (2015) e il primo premio al Concorso Giorgetti organizzato dalla Filarmonica della Scala di Milano. Classe 1996, Alberto Ferro è un nome già noto nell'ambiente pianistico italiano grazie all'affermazione in prestigiose competizioni: il secondo premio al Concorso Busoni di Bolzano (2015), il Premio Venezia (2015) e più di recente si è aggiudicato il Concorso "Telekom – Beethoven" di Bonn. I due, che si sono conosciuti a Berlino nel giugno 2016 in occasione del loro primo concerto presso l'Ambasciata Italiana, vengono invitati regolarmente nelle principali stagioni cameristiche italiane.
Ore 19. Istituto Italiano di Cultura, Hildebrandstr. 2.

Berlino: Riccardo Del Fra & Friends
Concerto jazz del contrabbassista italiano ma parigino d'adozione, che si esibisce col suo quintetto berlinese, da lui fondato con Peter Weniger, e col batterista Billy Hart come ospite speciale. Riccardo Del Fra è stato per anni un sideman molto apprezzato a livello internazionale, suonando con Bob Brookmeyer, Dizzy Gillespie und Art Farmer, fino a collaborare regolarmente con Chet Baker dal 1979.
Ore 21. A Trane, Pestalozzistraße 105.

Brema: Beethoven e l'Italia
Contrariamente a Goethe, Beethoven non ha mai viaggiato in Italia. Aveva tuttavia una profonda familiarità con la cultura musicale italiana grazie alle sue lezioni con Antonio Salieri. Ha anche affrontato l'opera musicale di Gioachino Rossini. Anche altre culture musicali europee hanno influenzato il maestro, che si considerava un cittadino europeo e globale. Jochen Wolff presenta nuovi elementi emersi in seguito a lunghe ricerche, che rivelano inedite sfaccettature dell'immagine di Beethoven. Alla fine, sorge la domanda: che cosa può ancora dirci o trasmetterci Beethoven oggi?
Ore 19. Bremer Presse-Club e.V., Schnoor 27.

Colonia: Canzoni in transito
Die Mampen - Lieder und Geschichten im Transit. Cabaret musicale multiculturale con Nedim Hazar,  Klaus Mages e Alessandro Palmitessa.
Ore 19. Kulturbunker Köln, Berliner Str. 20.

Colonia: Giulia Martinelli
Concerto solo della cantante e cantautrice sudtirolese. Giulia ha vissuto a Milano, Bonn, Madrid, New York e San Francisco. Ad ognuna di queste città ha dedicato una canzone. I brani sono raccolti nell'EP "Wanderlust", che la cantante presenta.
Ore 20. Kulturcafé Lichtung, Ubierring 13.

Stoccarda: La strada
Nell'ambito della rassegna "Nulla si sa, tutto s'immagina!" dedicata a Federico Fellini, proiezione del film "La strada" (1954). Un capolavoro che ha conquistato il mondo, un film che ha segnato il passaggio dalla commedia satirica al racconto di vicende umane fragili, violente, grottesche e primitive. Una spiaggia della costa laziale introduce lo spettatore alla storia di Gelsomina, una straordinaria Giulietta Masina, e Zampanò, il grande Anthony Quinn, destinati ad un viaggio attraverso le più intime emozioni della natura umana che commuove e fa vincere a Fellini il suo primo Oscar. Introduzione in italiano: Dr. Rossana Lucchesi.
Ore 19. Istituto Italiano di Cultura, Kolbstr. 6.

SABATO 11 GENNAIO

Berlino: I Pizzicati
Musica e balli del sud Italia. L'ensemble è stato fondato nel 2000 da un gruppo di amici uniti dalla comune passione per la pizzica pugliese, la tarantella calabrese, la tammuriata napoletana, gli stornelli romani e i canti di lavoro. I Pizzicati si esibiscono in locali, ma spesso anche per strada, nei parchi di Berlino o sulle terrazze dei ristoranti, dove coinvolgono passanti e clienti in estemporanee feste di piazza.
Ore 20. P.A.N.D.A. Theater, Knaackstraße 97.

Berlino: Riccardo Del Fra & Friends
Concerto jazz (v. 10.1.).
Ore 21. A Trane, Pestalozzistraße 105.

Lüdenscheid: Concerto dell'anno nuovo
Concerto con la band Dixieland Bäng-Bäng organizzato dal Verein der Freunde italienscher Kultur e.V. Lüdenscheid.
Ore 19. Kulturhaus Lüdenscheid, Freiherr-vom-Stein-Straße 9, Lüdenscheid.

Stoccarda: Grande notte italiana
I giganti italiani: Concerto con Toto Cutugno, i Ricchi e Poveri e I Santo California. Toto Cutugno torna dopo una lunga pausa in Germania, dove hits come "L'italiano", "Azzurra"e "Insieme" l'hanno reso noto al grande pubblico. In questo concerto, inizialmente previsto per  il 31 maggio 2019, saranno con lui i Ricchi e Poveri e I Santo California.
Ore 20. Porsche Arena, Mercedesstraße 69.

Wedemarkt (Hannover): Etta Scollo
Concerto della la cantautrice siciliana e berlinese d'adozione  Etta Scollo, che presenta col suo quartetto canzoni tratte dal suo album "Il passo interiore": brani che musicalmente si situano tra folk siciliano, chanson, jazz e musica d'avanguardia, e che focalizzano il tema del cambiamento.
Ore 19:30. Bürgerhaus, Am Markt 1.

DOMENICA 12 GENNAIO

Berlino: Be Kind
Nell'ambito della rassegna "Cinemaperitivo" proiezione della prima tedesca del film di Sabrina Paravicini e Nino Monteleone, con Nino Monteleone, Sabrina Paravicini, Roberto Saviano, Fortunato Cerlino. 'Be Kind - Un viaggio gentile all'interno della diversità' è un documentario autoprodotto e diretto dall'attrice e regista Sabrina Paravicini e da suo figlio Nino Monteleone, un bambino di dodici anni a cui è stato diagnosticato a due anni e mezzo un autismo infantile severo, ma non grave. Il film racconta il viaggio da piccolo regista di una persona diversa all'interno della diversità, intesa non come differenza, ma come ricchezza nella varietà. La mamma accompagna il figlio in un percorso fisico ma soprattutto emotivo, dove ogni tappa rappresenta un incontro con persone che raccontano le esperienze attraverso la condivisione delle loro storie. Nino diventa quindi un Virgilio che insegna come la gentilezza sia il solo modo per entrare davvero in contatto con gli altri. In italiano con sottotitoli in inglese. Seguirà un dibattito con i registi.
Ore 16. Kino Babylon Mitte, Rosa-Luxemburg-Str. 30.

Detmold: Venezia
Venedig - Literatur und Geschichte(n) in der märchenhaften Lagunenstadt: conferenza in lingua tedesca di Klaus Kirmis. Organizza la Deutsch-Italienische Gesellschaft Lippe-Detmold e.V.
Ore 11. Volkshochschule Detmold, Vortragsraum, Krumme Straße 20.

LUNEDÌ 13 GENNAIO

Berlino: Pippo Pollina
Il cantautore palermitano ormai svizzero d'adozione presenta l'album "Suden II", proseguimento di quello realizzato nel 2010 insieme ai cantautori bavaresi Werner Schmidbauer e Martin Kälberer, che raggiunse un enorme successo.
Ore 20. Wühlmäuse,  Pommernallee 2-4

MARTEDÌ 14 GENNAIO

Amburgo: Storie in valigia
Letture animate in italiano, a cura di Silvia Ferioli e Francesca Parenti. (anche martedì 11 febbraio e martedì 17 marzo).
Ore 15:30-16:30 per bambini di età 3-5 anni, ore 16:30-17:30 per bambini di età 6-9 anni, Istituto Italiano di Cultura, Hansastr. 6.

Amburgo: Fontane e l'Italia
Theodeor Fontane und Italien - der märkische Skeptiker im Süden und der Süden in seinem Werk: conferenza del Dr. Dieter Richter, Brema, autore del libro "Fontane in Italien" (Wagenbach Verlag 2019). Fontane visitò l'Italia nel corso di un viaggio di 7 settimane, che nel 1874 lo portò da Venezia a Firenze e Roma fino al Golfo di Napoli. Nel 1875 seguì un ulteriore viaggio per le città dell'Italia settentrionale. Le sue lettere e i suoi appunti sui diari lo fanno apparire come scettico nei confronti dell'Italia. Ironizza circa l'entusiasmo per l'Italia dei suoi contemporanei e a volte dà giudizi drastici e poco rispettosi. Anche in alcuni dei suoi romanzi appaiono scenari italiani, come il viaggio di nozze a Venezia in "Effi Briest".
Ore 18. Zentrum für kulturwissenschaftliche Forschung (ZKFL), Königstraße 42.

Heidelberg: Nicola H. Cosentino
Fondata dalla dott.ssa Bellesi-Hansen, la neonata casa editrice con sede a Friburgo si propone di far conoscere al mondo germanofono giovani scrittori italiani, che, seppur promettenti e talentuosi, non ancora noti al di fuori del proprio paese poiché non ancora tradotti. Tra questi lo scrittore Nicola H. Cosentino, autore di racconti, sceneggiature e dei romanzi "Cristina d'ingiusta bellezza" (2016), romanzo d'esordio, e "Vita e morte delle aragoste" (2017 – Hummerjahre nell'edizione tedesca).
Ore 18. Romanisches Seminar, Ernst-Robert-Curtius-Saal (RS 218), Seminarstr. 3.

Karlsruhe: Leggiamo i giornali
Lettura di quotidiani insieme a Rita Venturelli e Brigitte Dorner. Organizza la Deutsch-Italienische Gesellschaft e.V. Karlsruhe.
Ore 10. DIG Schul- und Kulturzentrum, Kaiserstr. 150.

Karlsruhe: Incontriamoci!
Incontro e conversazione in italiano. Organizza la Deutsch-Italienische Gesellschaft e.V. Karlsruhe. Ore 19. DIG Schul- und Kulturzentrum, Kaiserstr. 150.

Osnabrück: The Best Of Ennio Morricone
Omaggio alle musiche da film di uno dei più grandi compositori di colonne sonore della storia del cinema. Sul palco oltre 100 musicisti della Milano Festival Opera interpretano,  diretti da Marco Seco, brani tratti da classici come "C'era una volta il West", "Per un pugno di dollari" e "Django Unchained", mentre sullo schermo gigante verranno mostrate sequenze dai rispettivi film.
(Venerdì 17 gennaio a Brema – die Glocke).
Ore 20. Osnabrückhalle, Schlosswall 1.

GIOVEDÌ 16 GENNAIO

Colonia: Donna non rieducabile
Spettacolo teatrale in lingua tedesca tratto dal testo di Stefano Massini "Donna non rieducabile - memorandum teatrale su Anna Politkovskaja 2007". Regia di Inka Neubert.  
Ore 20. Freies Werkstatt Theater, Zugweg 10.

Darmstadt: La paranza dei bambini
Nell'ambito della rassegna 'Nuovo Cinema Italiano' proiezione del film di Claudio Giovannesi (2019) in italiano con sottotitoli in tedesco. Proiezione del film tratto dal romanzo di Roberto Saviano, autore di  "Gomorrha". All'ultimo festival del Cinema di Berlino il film ha vinto l'Orso d'Argento per la migliore sceneggiatura. Diretto da Claudio Giovannesi, "La paranza dei bambini" racconta di sei ragazzi quindicenni nella Napoli di oggi. Volendo fare soldi, comprare vestiti firmati e motorini nuovi, si procurano armi e e corrono in scooter alla conquista del potere nel Rione Sanità, vivendo in stato di guerra con l'incoscienza della loro età. Organizza la Società Dante Alighieri – Comitato di Darmstadt e. V.
Ore 18 e 20:30. Programmkino rex, Grafenstraße 18-20.

Francoforte: Generazione 1000 Euro
Nell'ambito della rassegna cinematografica "Generazione 1000 Euro" organizzata dal Consolato Generale D'Italia in collaborazione con Italiani in Deutschland e.V. proiezione del film di Massimo Venier (2009), in italiano con sottotitoli in tedesco. Matteo (Alessandro Tiberi), 30 anni, brillante laureato con la passione per la matematica, lavora nel marketing di un'azienda. Divide la vita e la casa con Francesco (Francesco Mandelli) il suo migliore amico un genio della playstation con la passione per il cinema. L'arrivo in ufficio di un nuovo vice direttore marketing, Angelica (Carolina Crescentini), e quello, in casa, di una nuova coinquilina, Beatrice (Valentina Lodovini),daranno vita ad una serie infinita di peripezie. Con tante novità e grandi scelte da compiere, Matteo, riuscirà in poco tempo a cambiare completamente la sua vita.
Ore 18:45. Consolato Generale d’Italia, Sala Europa, 3. Piano, Kettenhofweg 1.

Magdeburgo: Bello, onesto, emigrato Australia sposerebbe compaesana illibata
Nell'ambito della rassegna 'generazione piano B' proiezione del film di Luigi Zampa (1971) con Alberto Sordi, Claudia Cardinale e Riccardo Garrone. Amedeo Battipaglia, un italiano emigrato da una ventina d'anni in Australia comincia a sentire il peso dell'età, delle malattie e della solitudine, e corrisponde con delle donne italiane, per mettere su famiglia. Quando sulla scrivania del parroco, Amedeo trova la foto di Carmela, si reca da Giuseppe per chiedere consigli; il finto amico gli suggerisce d'inviare una foto dove sono ritratti insieme, indicando il volto di Giuseppe quale Amedeo. Lo scambio dei personaggi dà origine a una commedia dai risvolti amari. Organizza il Centro italiano di cultura Sachsen-Anhalt e.V. in italiano con sottotitoli in tedesco.
Ore 19. Einewelthaus, Schellingstraße 3-4.

Monaco: Eugenio Della Chiara
Il canto immaginato - Eugenio Della Chiara in concerto: grazie ad una tecnica impeccabile, Eugenio della Chiara evoca melodie e suoni di un tempo passato in cui la chitarra era ancora considerata uno strumento da camera. Formatosi al conservatorio di Pesaro, si è distinto come appassionato chitarrista non solo in Italia, ma anche in Europa ed Asia, esibendosi tra l'altro in Austria, Ungheria, Turchia e Giappone. Ha registrato numerose antologie con diverse case discografiche, tra cui "Guitarra Clásica" con DECCA, in cui raccoglie diversi lavori chitarristici di Mozart, Haydn e Beethoven. Attualmente l'artista collabora con altri musicisti, compositori e cantanti lirici, come per esempio Carlo Galante e Mert Süngü, inoltre lavora presso la sede di Gaeta del conservatorio "O. Respighi" di Latina e dal 2015 è direttore artistico di "MU.N- Music Notes in Pesaro" per il settore musica da camera. Della Chiara eseguirà musiche di Fernando Sor, Niccolò Paganini, Franz Schubert e Mario Castelnuovo Tedesco.
Ore 18:30. Istituto Italiano di Cultura, Hermann-Schmid-Str. 8.

Düsseldorf: Tutto quello che vuoi
Proiezione del film di Francesco Bruni (2017) con Andrea Carpenzano, Giuliano Montaldo, Donatella Finocchiaro. Alessandro è un ventiduenne trasteverino ignorante e turbolento; Giorgio un ottantacinquenne poeta dimenticato. I due vivono a pochi passi l'uno dall'altro, ma non si sono mai incontrati, finché Alessandro accetta malvolentieri un lavoro come accompagnatore di quell'elegante signore in passeggiate pomeridiane. Col passare dei giorni dalla mente un po' smarrita dell'anziano poeta, e dai suoi versi, affiora progressivamente un ricordo del suo passato remoto: indizi di una vera e propria caccia al tesoro. Seguendoli, Alessandro si avventurerà insieme a Giorgio in un viaggio alla scoperta di quella ricchezza nascosta, e di quella celata nel suo stesso cuore.
Ore 20. Black Box Kino, Schulstraße 4.

ANNUNCI

Berlino: Archivio letteratura italiana in tedesco
L'Istituto Italiano di Cultura di Berlino informa che è disponibile presso il sito internet dell'Istituto, sotto la voce "Biblioteca", una bibliografia della letteratura italiana in traduzione tedesca dal 1940 al 2018 (prime pubblicazioni). L'elenco è stato compilato da Walter Kögler, traduttore e interprete. La Bibliografia sarà aggiornata periodicamente.

La Federazione Acli Nazionali, in collaborazione con il Patronato Acli e la consulenza scientifica dell'Istituto di Ricerche Educative e Formative (IREF), promuove l'indagine statistica Famiglie «oltre confine», uno studio pilota sui bisogni sociali dei nuclei familiari expat. L'obiettivo dell'indagine è quello di creare servizi adeguati per le famiglie italiane all'estero. Il questionario è rivolto alle famiglie (insieme di persone coabitanti legate da vincoli di matrimonio o affettivi) di cui almeno un membro è nato in Italia. Particolarmente interessante ai fini dell'indagine è la testimonianza di cittadini italiani facenti parte del fenomeno della nuova migrazione italiana, ovvero le nuove generazioni, coloro che si sono trasferitiall'estero negli ultimi anni per motivazioni di studio, lavoro, etc. Il questionario può essere svolto cliccando il seguente link: https://it.surveymonkey.com/r/FAM_EXPT oppure sotto forma di intervista con questionario cartaceo contattando i seguenti indirizzi:

barbara.cuccarese@acli.it
lucia.cascone@acli.it

Riconoscimento titoli di studio in Germania: è attivo un nuovo sportello di consulenza in italiano
È attivo a Berlino il nuovo sportello di consulenza gratuita in italiano LaRA – La Red Anerkennungs- und Qualifizierungsberatung, per il riconoscimento dei titoli di studio o qualifiche italiane (e straniere) in Germania, parte di IQ Landesnetzwerk Berlin. Nell'aprile 2012 è entrata in vigore la "Legge per il miglioramento dell'individuazione e del riconoscimento delle qualifiche professionali acquisite all'estero", chiamata anche, in tedesco, Anerkennungsgesetz. Nel caso si abbia un titolo di studio o una qualificazione conseguita all'estero e si voglia lavorare in Germania, è consigliabile - o in molti casi obbligatorio - far riconoscere la propria qualifica professionale in Germania attraverso un processo di equiparazione con una qualifica professionale tedesca comparabile. Oggi la richiesta di riconoscimento per chiunque abbia un titolo di studio o una qualifica conseguita in Italia è diventata più semplice, grazie ad un nuovo sportello di consulenza gratuita in italiano offerto da La Red – Vernetzung und Integration e.V. all'interno di IQ Landesnetzwerk Berlin come parte del programma "Integration durch Qualifizierung (IQ)", finanziato dal Bundesministerium für Arbeit und Soziales e dal Fondo sociale europeo.
La consulenza è gratuita ed è possibile anche nelle seguenti lingue: francese, inglese, italiano, polacco, spagnolo e tedesco.

CONCORSI

"Cerca Storie" di Berlino Italia Improv.
Berlino Italia Improv organizza questo primo concorso letterario rivolto a bambini e ragazzi dai 6 ai 17 anni di qualsiasi nazionalità. Per partecipare è necessario scrivere un racconto in italiano di lunghezza massima di due cartelle di 30 righe ciascuna, scritti a mano o al computer, originali e inediti, frutto della propria fantasia. Il termine di invio dei racconti è entro e non oltre il 15 Marzo 2020 a berlinoitaliaimprov@gmail.com. Nella candidatura inserire anche nome, cognome e età del partecipante. La storia selezionata sarà messa in scena dal cast teatrale di Berlino Italia Improv e la giovane penna vincitrice sarà invitata a collaborare alla messa in scena dello spettacolo.

Concorso internazionale di poesia e racconti in italiano "Tommaso Cerase"
Seconda edizione del concorso di poesia e racconti per bambini in memoria di Tommaso Cerase. Per ricevere bando e modulo di iscrizione, scrivere a concorsotommasocerase@gmail.com.

SERVIZI

Colonia: Sportello psicologico
La dottoresssa Barbara Renzi - psicoterapeuta - membro dell'associazione britannica degli psicoterapeuti - è disponibile durante la settimana per consulenze psicologiche a Mondo Aperto. Si prega di prendere appuntamento, e concordare i dettagli della seduta, via email all'indirizzo: Bgrenzi@protonmail.com

MOSTRE

Amburgo: Italiani in Germania / Italiener Deutschlands
Mostra fotografica con foto di Riccardo Venturi e testi del giornalista Lorenzo Colantoni. Il progetto Italiani in Germania nasce nel novembre 2018 come reportage per National Geographic Italia web, con il supporto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ed è parte del più ampio progetto "Italiani d'Europa", articolato in tre ulteriori capitoli ("Italiani in Gran Bretagna", "Italiani del Belgio" e "Italiani dell'Est"). Il progetto intende costruire una panoramica dei principali movimenti migratori italiani del passato e del presente. Prodotto dal giornalista Lorenzo Colantoni e dal fotogiornalista Riccardo Venturi in occasione di una serie di viaggi tra il 2017 e il 2018, "Italiani in Germania" ha vinto il più antico premio giornalistico italiano "Premiolino" nel giugno 2018 e intende ridisegnare un viaggio attraverso comunità storiche, nuova mobilità, storie familiari e avventure individuali in otto città tedesche: Stoccarda, Francoforte, Colonia e Ruhr, Wolfsburg, Amburgo, Berlino, Lipsia e Monaco. La mostra spazia così da storie di successo, come quella del direttore del Die Zeit Giovanni di Lorenzo, fino agli start-upper di Berlino e alla nuova e vecchia comunità operaia nata grazie alla Volkswagen di Wolfsburg. Inaugurazione: 15 gennaio, ore 19.00, in presenza del fotografo Riccardo Venturi, del fotogiornalista Lorenzo Colantoni e della curatrice Arianna Massimi (Akronos). A seguire un aperitivo.
Fino al 7 febbraio. Goethe-Institut, Hühnerposten 1.

Amburgo: Our days of gold
Mostra con fotografie di Assunta Ruocco, in presenza dell'artista e del curatore Dan T Wheeler. La storica dell'arte e giornalista Veronika Schöne condurrà un'intervista con la fotografa e il curatore (in inglese). "Our Days of Gold" è il frutto di una collaborazione tra l'artista italo-belga Assunta Ruocco e il fotografo inglese Dan T Wheeler. Le immagini raccontano le vicende di una famiglia dell'Italia Meridionale. Tra scene immaginate e vita quotidiana, animali, piante persone e cose sono immerse in una luce cangiante che scandisce le stagioni e gli anni. Un elemento che ritorna più e più volte, la tavola sul terrazzo adorna di frutta.
Fino al 31 gennaio 2020. Istituto italiano di cultura, Hansastr. 6.

Berlino: Raffaello
"
Raffaello a Berlino - Le Madonne della Gemäldegalerie", mostra allestita in occasione dei 500 anni dalla morte del grande artista rinascimentale. Sono esposti capolavori che risalgono ai primi anni della carriera artistica di Raffaello, all'inizio del '500, per la prima volta riuniti in un'unica sala. La mostra è significativa sia per l'interesse per Raffaello che fiorì durante l'epoca prussiana, periodo in cui furono acquistate la maggior parte di queste opere, sia per l'ideale di armonia e dolcezza che queste rappresentano: un tipo di bellezza femminile umano, pieno di grazia, che diventerà un punto di riferimento per tutti gli altri artisti fino all'Ottocento. Visite guidate in lingua tedesca tutti i sabati alle 15.
Fino al  26 aprile. Gemäldegalerie, Matthäikirchplatz

Zwischen allen Stühlen

Mostra "Tra più fuochi": dettaglio di una sala

Berlino: Tra più fuochi. La storia degli internati militari italiani in Germania tra il 1943 e il 1945
Un'esposizione di oggetti e reperti unici dedicata agli IMI presso il Centro di documentazione sul lavoro forzato di Schöneweide – Fondazione Topografia del Terrore di Berlino. Oltre ad onorare la memoria degli oltre 650.000 Internati Militari Italiani nei lager nazisti, l'esposizione permanente conferma l'interesse e la disponibilità a proseguire nella costruzione di una cultura della memoria condivisa degli orrori del passato anche a monito per il futuro, in coerenza con l'impegno assunto nel dicembre 2012 da Italia e Germania per non dimenticare questo doloroso capitolo della nostra storia recente. Il Centro di documentazione sul lavoro forzato durante il Nazionalsocialismo intende favorire la conoscenza e la memoria del dramma vissuto, durante il regime nazista, da circa 12 milioni di uomini, donne, ragazzi e bambini in tutta Europa.L'Istituto Alcide Cervi ha contribuito con un documento, visibile anche sul portale multimediale dell'Istituto. Si tratta della scheda di congedo di Iames Lusetti, internato militare italiano originario di Gattatico e registrato presso lo Stalag X A di Schleswig: il documento è datato agosto 1944 e rappresenta il passaggio degli IMI a "lavoratori civili", allo scopo di mitigarne così le difficili condizioni di vita.
Mostra permanente. Dokumentationszentrum NS-Zwangsarbeit, Britzer Str. 5.

Colonia: Centenario della nascita di Vico Magistretti
Nel 2020 il famoso architetto e designer industriale Vico Magistretti avrebbe compiuto 100 anni. In questa occasione l'Istituto Italiano di Cultura presenta nell'ambito di Passagen 2020 una mostra sui 60 anni di carriera di Magistretti, incentrata su progetti noti e meno noti, le architetture di Milano e gli oggetti di design che si trovano in innumerevoli case. Per il suo divano Maralunga, progettato nel 1973, ricevette il rinomato premio Compasso d'oro. Oltre alla mostra documentaria saranno in mostra alcuni oggetti del designer, tra i quali la base del tavolo Vidun e due sedie Silver. In collaborazione con la Fondazione Vico Magistretti.
Inaugurazione il 13 gennaio alle 19.

Fino al 3 febbraio. Istituto Italiano di Cultura, Universitätsstr. 81.

Colonia: Mediterraneanstil
Opere di Nunzio Fucci, docente di pittura e grafica, e Vincenzo Sangiorgio, scultore autodidatta e restauratore. Entrambi sono originari di Ginosa, in Puglia. Mentre Fucci lavora come insegnante in un liceo in Piemonte, Sangiorgio vive da anni a Colonia.  Ciò che accomuna le loro opere è l’ispirazione proveniente dalla cosiddetta Arte povera, il movimento nato in Italia negli anni '60 che, in polemica con l'arte tradizionale, faceva ricorso a materiali "poveri" come terra, legno, ferro, stracci, plastica e scarti industriali, una procedura definita da Vincenzo Sangiorgio "il non spreco". Il titolo della mostra allude alla particolarità dello stile mediterraneo, che dall'antichità ad oggi viene associato a solare creatività, sensualità e amore per le forme e i colori, e che nel corso dei secoli non ha perso la sua capacità di affrontare il reale con senso estetico e riflessione ironica. Nella mostra saranno esposti quasi solo dipinti, con l'unica eccezione di un’istallazione a forma di pavone realizzata da Nunzio Fucci insieme agli studenti dell'istituto in cui lavora, il Liceo Piero Gobetti di Omegna.  
Fino al 25 gennaio. Consolato Generale di Colonia, Universitätsstr. 81.

Colonia: Skulpturenpark
Quest'anno il Parco delle sculture, der Skulpturenpark di Colonia festeggia vent'anni dalla nascita. Su tre ettari di verdi prati sono esposte sculture di artisti contemporanei provenienti da tutto il mondo. Cactus di marmo, una lumaca rosa, un uovo fritto gigantesco: sono solo alcune delle divertenti sculture che popolano il parco. Tra le opere esposte ci sono anche quelle dello scultore Mauro Staccioli di Volterra. L'ingresso al parco è gratuito. Sono previste inoltre visite guidate. 
Mostra permanente. Tutti i giorni dalle 10.30 alle 19. Skulpturenpark, Elsa-Brand-ström-Str. 9.

Dortmund: Arrigo Amaduzzi (1934-2018)
Architetto, romano di nascita e milanese di adozione, è sempre stato interessato alle diverse tecniche e potenzialità espressive delle arti visive, dalla fotografia alla grafica, alla pittura. Inizia giovanissimo a fotografare, prediligendo il paesaggio e il ritratto. A partire dagli anni Cinquanta comincia a partecipare ai concorsi fotografici nazionali e internazionali. Il primo successo risale al 1957 quando The Times Weekly Review pubblica "la botticella", la fotografia di una tipica carrozzella a cavalli, scattata a Roma. Negli anni successivi i suoi fotoservizi vengono pubblicati su settimanali come l'Automobile e Il Punto; il lavoro, la condizione del lavoro nel Mezzogiorno e più in generale il Sud sono al centro dei suoi interessi e segnano un importante filo rosso nelle immagini di tutti gli anni Sessanta. Arrigo Amaduzzi ha inoltre una grande passione: la montagna. Le Alpi saranno per tanti anni sfide personali, compagne di avventura e silenti modelle. Il lavoro lo porta a viaggiare per oltre 40 anni in tutto il mondo; culture lontane, tensioni politiche, volti e personaggi catturano la sua attenzione e ritrovano voce dopo guerre, cambiamenti e rivoluzioni. A partire dagli anni Ottanta si avvicina alla ceramica e alla pittura. Le ricerche sul cromatismo e le differenti reazioni chimiche nelle fasi di lavorazione rappresentano un campo di ricerca e sperimentazione nuovo. L'attività espositiva continua in varie città italiane. Il Monferrato, terra di vini e tartufi, dove si rifugiava da quasi venticinque anni, è stato fonte di rinnovata ispirazione e ha ospitato numerose sue mostre.
Italienverein, Immermannstr. 29.

Flensburg: Stefano Benazzo. Wracks - Wrecks – Relitti
Mostra fotografica di Stefano Benazzo, frutto di una lunga ricerca, durata sei anni e attraverso quattro continenti, su relitti di imbarcazioni spiaggiate. Nel fotografare il loro ultimo porto, l'artista vuole ricordare le vite di quegli uomini, dai più lontani ai più vicini, che hanno intrapreso la via del mare. I suoi scatti rendono omaggio alla insopprimibile necessità di viaggiare per conoscere, per incontrarsi l'un l'altro e scambiarsi reciproca vita e, insieme, permettono al visitatore di entrare in un mondo diverso, immaginario ma reale. Stefano Benazzo, classe 1949, oltre ad aver ricoperto la carica di Ambasciatore d'Italia a Minsk e a Sofia, è un artista poliedrico: fotografo, scultore, modellista architettonico e navale, si dedica attualmente alla ricerca di relitti di imbarcazioni arenate in tutto il mondo. Ha curato diverse mostre personali e collettive in Italia e all'estero e finora ha pubblicato due libri: "Wrecks/Relitti" nel marzo 2017 dall'editore Skira, che gli è valso il premio speciale Marincovich 2018, e "Duty of Memory: Wrecks in Greece" nel mese di agosto 2018.
Inaugurazione: 12 gennaio, ore 11.30, in presenza dell'artista.
Fino al 1. marzo. Flensburger Schifffahrtsmuseum, Schiffbrücke 39.

Francoforte: Giovanni Cerri. Memoria e futuro
Mostra dedicata a Leonardo da Vinci in occasione del cinquecentenario dalla morte dell'artista e scienziato rinascimentale. Patrocinata dal Consolato generale di Francoforte.
Fino al 25 gennaio 2020. Westend Galerie, Arndtstraße 12.

Monaco: Mostra fotografica Scrittori italiani del '900
La mostra fotografica è dedicata ad una serie di autori ed autrici italiani che hanno dato un'impronta alla cultura degli italiani nel '900. La traduzione delle loro opere ha contribuito a formare l'immagine dell'Italia e della letteratura italiana all'estero, anche nei lettori tedeschi. Italo Calvino, Umberto Eco, ma anche Dino Buzzati, Alda Merini e tanti altri. Che rapporti avevano? Hanno mai bevuto un bicchiere di vino insieme? Si criticavano?  Non solo foto, ma anche collegamenti critici, curiosi e divertenti da scoprire alla Pasinger Fabrik. La mostra, coordinata da Isabel von Ehrlich, è curata da studenti del master e dottorandi dell'università LMU di Monaco.
Lichthof der Pasinger Fabrik, August-Exter-Str. 1.

Potsdam: Costantino Ciervo
L'artista napoletano e berlinese d'adozione espone nell'ambito della mostra "Out-look" sette opere. Costantino Ciervo è un artista multimediale che da sempre si interessa di temi attuali, globali e politici. Nei suoi lavori tematizza questioni come la libertà, l'etica, il potere, la ricerca scientifica e lo sviluppo tecnologico, oltre all'informazione e alla comunicazione. In questo contesto Ciervo mette in discussione la funzione sociale e la legittimazione dell'artista e dell'arte.
Mostra permanente. Museum Fluxus+, Schiffbauergasse 4f.

Potsdam: Museo Barberini
Il Museo Barberini apre le sue porte con un edificio decisamente imponente, ricostruito secondo il modello del Palais Barberini, fatto erigere da Federico II seguendo il modello del Palazzo Barberini di Roma e distrutto durante la seconda Guerra Mondiale. Il museo ha aperto le sue porte il 23 gennaio "2017".
Museum Barberini, Alter Markt- Humboldtstraße 5-6.

Potsdam: Wege des Barock
La mostra presenta 54 opere provenienti dalle collezioni di Palazzo Barberini e Galleria Corsini a Roma. Tra di esse c'è una delle opere giovanili del Caravaggio: Narciso, dipinto tra il 1597 e il 1599. Le opere di Michelangelo Merisi detto il Caravaggio sono di fondamentale importanza nell'arte di quel preriodo perché attraverso la luce e la rappresentazione naturalistica le immagini appaiono molto realistiche. L'arte di Caravaggio influenzerà tutti i supoi contemporanei in Europa. Le sue opere sono affiancate nella mostra a quelle di artisti a lui contemporanei come Artemisia Gentileschi, Guido Reni e Luca Giordano (alcuni dei loro quadri si trovano nella collezione di Federico II).
Fino al 2 febbraio. Museum Barberini, Alter Markt, Humboldstr. 5-6.

Stoccarda: Giovanni Battista Tiepolo
Mostra dedicata a Giovanni Battista Tiepolo (1696–1770), in occasione dei 250 anni dalla morte. Le opere presentate sono state realizzate dal Tiepolo nel corso di tutta la sua vita e provengono da numerosi musei europei. I temi sono diversi: da quello religioso a quello mitologico, dai disegni alle acquaforti. Parallelamente è in corso una mostra dal titolo: "La Serenissima. Zeichenkunst in Venedig vom 16. bis 18. Jahrhundert" sempre nello stesso museo.
Fino al 2 febbraio 2020. Staatsgalerie, Konrad-Adenauer-Str. 30-32.