Live hören
Jetzt läuft: Tricheur von Nekfeu feat. Damso

Eventi italiani in Germania

Eventi italiani in Germania

Il calendario di Angela Sinesi ti informa sui principali eventi culturali in Germania che, dal venerdì al giovedì successivo, hanno come protagonista l'Italia o persone italiane.

Film von Dario Albertini "Manuel"

Una scena del film di Dario Albertini "Manuel"

Anticipazioni

E qui puoi già scoprire alcuni concerti di artisti italiani o altri eventi di rilievo previsti in Germania per i prossimi mesi.

VENERDÌ 24 MAGGIO

Berlino: Pane e cioccolata
Nell'ambito della rassegna cinematografica "Commedia all'italiana", proiezione del film di Franco Brusati con Nino Manfredi.
Ore 19. Kino Arsenal, Potsdamer Str. 2, Berlin-Tiergarten.

Berlino: Bello, onesto, emigrato Australia, sposerebbe compaesana illibata
Nell'ambito della rassegna cinematografica "Commedia all'italiana", proiezione del film di Luigi Zampa con Alberto Sordi e Claudia Cardinale.
Ore 21. Kino Arsenal, Potsdamer Str. 2, Berlin-Tiergarten.

Berlino: Incontro aperto Salutare e.V.
Incontro Aperto 2019 del Susi Interkulturelles Frauenzentrum. Come tutti gli anni, anche in questa occasione verranno presentati i progetti passati e futuri e le nuove proposte. Ci sarà, quindi, uno spazio per lo scambio di idee che dovrebbe portare poi alla creazione di nuove collaborazioni professionali. Questo incontro è aperto a chiunque sia interessato/a al tema della salute mentale e della migrazione.
Ore 19. S.U.S.I Interkulturelles Frauenzentrum, Innsbrucker Str. 58.

Bochum: Italien zwischen Norden und Süden - 150 Jahre Einheit (und Spaltung?)
Conferenza di Giuseppa Sgrò-Ivančev e proiezione di un film, organizzata dal
Circolo culturale italo-tedesco e.V. di Bochum.
Ore 19.30. Clubraum der Stadtbücherei, Gustav-Heinemannplatz 2-6.

Colonia: 100 anni di Università Popolare di Colonia (2ª parte)
Conferenza della storica dell'arte Donatella Chiancone-Schneider e visita guidata alla mostra.
Ore 19. Studienhaus am Neumarkt.

Monaco: Francesco Magris
Nell'ambito del Festival della letteratura, conversazione con Francesco Magris e presentazione del libro: "Die Grenze, Zsolnay /Al margine". Partendo dal poeta Biagio Marin, che si autodefiniva “marginale”, Francesco Magris percorre l'idea di margine, che è il limite dello spazio e della morale, divide la virtù dal peccato e il centro dalla periferia. Se nel mondo scientifico il margine ricorda l'errore o il limite che ogni ricerca deve affrontare, in società evidenzia l'emarginazione economica e sociale. Ma può anche circoscrivere virtuosi fenomeni di anticonformismo rispetto al mondo dei social e al desiderio di centralità che esprimono. Anche la democrazia è una continua contrattazione tra centro e marginalità. Il centro e la periferia sono luoghi in continua mutazione, che attraversano l'arte e la letteratura, l'economia e la geografia: Francesco Magris percorre questi margini in ogni lato, con passo curioso e complice, divertendosi a valicare impunemente tutti i confini che incontra.
Ore 20. Pasinger Fabrik, August-Exter-Str. 1.

SABATO 25 MAGGIO

Berlino: La vera storia di Cappuccetto Rosso

Teatro per bambini con i Fantastorie.
Ore 16. Mondolibro, Torstr. 159.

Berlino: La visita
Nell'ambito della rassegna cinematografica "Commedia all'italiana", proiezione del film di Antonio Pietrangeli con Sandra Milo.
Ore 19. Kino Arsenal, Potsdamer Str. 2, Berlin-Tiergarten.

Berlino: Il commissario
Nell'ambito della rassegna cinematografica "Commedia all'italiana", proiezione del film di Luigi Comencini con Alberto Sordi.
Ore 21. Kino Arsenal, Potsdamer Str. 2, Berlin-Tiergarten.

Brema: A Tavola in Venezia! Spezialitäten und Geschichten rund um Venedig
Lettura e degustazione organizzata dalla Deutsch-Italienische Gesellschaft Bremen e.V.
Ore 18. Villa Sponte zeitkultur e.V., Osterdeich 59B.

Düsseldorf: Workshop di teatro per adulti
Organizzato dall’associazione italia altrove e.V. e con Stefania Grazioli del Teatro alla Scala di Milano. Il workshop prosegue anche domenica.
Dalle 10 alle 14. Theaterfabrik, Luisenstraße 120.

Monaco: Il contrario delle lucertole
Nell'ambito del Festival della letteratura italiana, incontro con Erika Bianchi e presentazione del libro: "Il contrario delle lucertole". 1948, Gino Bartali scala la Francia a pedalate facendo sognare uomini e donne appena usciti dagli orrori della guerra. Tra i tecnici che lo accompagnano c'è il giovane meccanico Zaro Checcacci, che durante una serata euforica dopo una tappa vinta incontra Lena, giovanissima cameriera bretone. Il tempo di una notte e la carovana del Tour riparte. Ponte a Ema, 1959. Nell'officina di biciclette di Zaro, ormai sposato e padre di Nanni, si presentano Lena e Isabelle, che ha dieci anni. Zaro non vorrà mai riconoscerla come figlia, eppure tra Isabelle e Nanni si instaurerà un rapporto di fratellanza profonda, che accompagnerà la vita non facile di Isabelle e delle sue figlie, Marta e Cecilia. Narrata a ritroso, dai giorni nostri alla notte in cui tutto ebbe inizio, prende forma in questo romanzo la storia di quattro generazioni; la storia di una famiglia meticcia, in cui si intrecciano destini zoppi e figlie abbandonate ma anche amori assoluti e racconti di biciclette, animali, sogni.
Ore 15. Pasinger Fabrik, August-Exter-Str. 1.

Monaco: Telefonata con il pesce
Nell'ambito del Festival della letteratura italiana, incontro per bambini con Silvia Vecchini.
Ore 15. Pasinger Fabrik, August-Exter-Str. 1.

Monaco: Di emigranti e dottorandi e di romanzi in versi
Nell'ambito del Festival della letteratura italiana, Fabiano Alborghetti dialoga con Francesco Targhetta.
Ore 16.30. Pasinger Fabrik, August-Exter-Str. 1.

Monaco: Mostra fotografica Scrittori italiani del '900
Inaugurazione della mostra "Scrittori italiani del '900". La mostra fotografica è dedicata ad una serie di autori ed autrici italiani che hanno dato un'impronta alla cultura degli italiani nel '900. La traduzione delle loro opere ha contribuito a formare l'immagine dell'Italia e della letteratura italiana all'estero, anche nei lettori tedeschi. Italo Calvino, Umberto Eco, ma anche Dino Buzzati, Alda Merini e tanti altri. Che rapporti avevano? Hanno mai bevuto un bicchiere di vino insieme? Si criticavano?  Non solo foto, ma anche collegamenti critici, curiosi e divertenti da scoprire alla Pasinger Fabrik. La mostra, coordinata da Isabel von Ehrlich, è curata da studenti del master e dottorandi dell'università LMU di Monaco.
Ore 19. Lichthof der Pasinger Fabrik, August-Exter-Str. 1.

Monaco: Raffaella Romagnolo
Nell'ambito del Festival della letteratura italiana, incontro con Raffaella Romagnolo e presentazione del libro: "Destino". Marzo 1946. Su una lussuosa Aprilia con autista, Mrs. Giulia Masca fa ritorno a Borgo di Dentro: quarantasei anni prima, sola, incinta e senza soldi, aveva detto addio alla filanda che l'aveva vista operaia bambina e si era imbarcata alla volta di New York. L'America le aveva regalato il riscatto che aveva sempre sognato: un marito titolare di un alimentari nel cuore di Little Italy, un figlio, un piccolo impero commerciale. Ma il passato la tormenta. Mentre lei era lontana, le colline intorno al Borgo di Dentro e i suoi abitanti sono stati protagonisti di due guerre mondiali, dell'avvento del fascismo e della lotta per la liberazione. Di battaglie, di amori e di speranze. Che ne è stato di sua madre Assunta? Dell'amica Anita Leone e della sua vivace famiglia di mezzadri? Che fine ha fatto Pietro Ferro, il fidanzato di quasi mezzo secolo prima? Raffaella Romagnolo nata a Casale Monferrato nel 1971, vive a Rocca Grimalda. Ha pubblicato L'amante di città (2007), La masnà (2012), Tutta questa vita (2013) e La figlia sbagliata (2015, candidato Premio Strega 2016).
Ore 20. Pasinger Fabrik, August-Exter-Str. 1.

DOMENICA 26 MAGGIO

Berlino: Alla salute
Nell'ambito della rassegna "Cinemaperitivo", premiere tedesca del documentario "Alla salute" di Brunella Filì e dibattito con la regista.
Ore 16. Babylon, Rosa-Luxemburg-Str. 30.

Düsseldorf: Workshop di teatro per bambini
Organizzato dall'associazione Italia altrove e.V. e con Stefania Grazioli del Teatro alla Scala di Milano.
Dalle 14.30 alle 16.30. Theaterfabrik, Luisenstraße 120.

Lubecca: Es ist aber noch ein Geheimnis, bis alles fertig ist. Einblick in die Komponistenwerkstatt von Michael Töpel
Conferenza organizzata dalla Deutsch-Italienische Gesellschaft Lübeck e.V.
Ore 14.30. Theater Geisler, Dr.-Julius-Leber-Straße 25.

Monaco: La più bella del mondo
Nell'ambito del Festival della letteratura italiana, incontro con Stefano Jossa e presentazione del libro: "La più bella del mondo. Perchè amare la lingua italiana". In un viaggio appassionato attraverso i suoi usi e la sua storia, tra un pranzo con Dante e un'incursione sul palco di Sanremo con Leopardi, Stefano Jossa svela tutta la bellezza dell'italiano. Una lingua d'invenzione, creata a tavolino dai letterati nel corso dei secoli e diventata nazionale prima ancora che esistesse la nazione. Può essere notarile, burocratica, aulica, ma anche finalizzata alla creatività, al gioco verbale. Una lingua da amare per la quantità di metafore che affolla il linguaggio quotidiano senza che ce ne accorgiamo, per la stratificazione di significati che ci permette di leggere il mondo, per la straordinaria ricchezza delle sue rime, introdotte dai poeti dello stilnovo e rivitalizzate oggi dalla musica rap. Senza dimenticare le relazioni e gli apporti da altre lingue, che fanno sì che una lingua rimanga viva.
Ore 11. Pasinger Fabrik, August-Exter-Str. 1.

Monaco: Nella perfida terra di Dio
Nell'ambito del Festival della letteratura italiana, incontro con Omar di Monopoli e presentazione del libro: "Nella perfida terra di Dio".
Ore 14.30. Pasinger Fabrik, August-Exter-Str. 1.

Monaco: Una storia nera
Nell'ambito del Festival della letteratura italiana, incontro con Antonella Lattanzi e presentazione del libro: "Una storia nera". Carla e Vito sono stati l'uno per l'altra il grande amore. Vito però era anche un marito geloso, violento; ma soltanto dopo che i due figli piú grandi Nicola e Rosa, sono usciti di casa Carla ha trovato la forza per andare a vivere da sola. Il giorno dopo la festa di compleanno della figlia minore Mara, Vito Semeraro scompare nel nulla. Carla e i ragazzi lo cercano disperatamente; e non sono gli unici, perché Vito da anni ha un'altra donna, ma anche una sorella e un padre potenti, i cui amici si mobilitano per scoprire la verità a modo loro. Sarà però la giustizia ad avere affidato il compito di accertare la verità. Ma in questi casi può davvero esistere una sola, chiara, univoca verità?
Ore 17.15. Pasinger Fabrik, August-Exter-Str. 1.

LUNEDÌ 27 MAGGIO

Berlino: In nome del popolo italiano
Nell'ambito della rassegna cinematografica "Commedia all'italiana", proiezione del film di Dino Risi con Vittorio Gassmann e Ugo Tognazzi.
Ore. Kino Arsenal, Potsdamer Str. 2, Berlin-Tiergarten.

Colonia: Storie di donne
Nell'ambito della serie "La letteratura incontra la cucina", Barbara Gabriella Renzi psicologa e autrice, presenterà il suo libro Storie di Donne, in cui cerca di dare voce a tutte quelle figure femminili che in modi diversi hanno dato il proprio contributo all'evoluzione e alla civilizzazione del mondo.
Ore 19. Mondoaperto, Zugweg 22.

Kleve: Leonardo da Vinci – Betrachtungen zu seiner Malerei
Conferenza di Ulrich Forster, organizzata dal Comitato Dante Alighieri Kleve e.V.
Ore 19.30. Kolpinghaus Kleve, Kolpingstr. 11.

MARTEDÌ 28 MAGGIO

Berlino: Manuel

Nell'ambito della rassegna "Cinedì", premiere tedesca di Manuel (2017) di Dario Albertini.
Ore 20. Kino in der Kulturbrauerei, Schönhauser Allee 36.

Berlino: Io la conoscevo bene
Nell'ambito della rassegna cinematografica "Commedia all'italiana", proiezione del film di Antonio Pietrangeli con Nino Manfredi, Stefania Sandrelli e Ugo Tognazzi.
Ore 20. Kino Arsenal, Potsdamer Str. 2, Berlin-Tiergarten.

Lubecca: Die Mafia in Deutschland - vom organisierten Verbrechen zum seriösen Großkonzern?
Conferenza del Dr. Hartmut Roder, organizzata dalla Deutsch-Italienische Gesellschaft Lübeck e.V.
Ore 19. Großer Saal der Gemeinnützigen, Königstraße 5.

MERCOLEDÌ 29 MAGGIO

Berlino: Mordi e fuggi

Nell'ambito della rassegna cinematografica "Commedia all'italiana", proiezione del film di Dino Risi con Marcello Mastroianni.
Ore 20. Kino Arsenal, Potsdamer Str. 2, Berlin-Tiergarten.

Düsseldorf: La bella notte italiana
Appuntamento con i DJ Fred de Palma, Maru e Sydney al Rudas Studio
Ore 22. Rudas Studios Club, Zollhof 11, Düsseldorf

GIOVEDÌ 30 MAGGIO

Berlino: Bello, onesto, emigrato Australia, sposerebbe compaesana illibata

Nell'ambito della rassegna cinematografica "Commedia all'italiana", proiezione del film di Luigi Zampa con Alberto Sordi e Claudia Cardinale.
Ore 19. Kino Arsenal, Potsdamer Str. 2, Berlin-Tiergarten.

Berlino: Alfredo Alfredo
Nell'ambito della rassegna cinematografica "Commedia all'italiana", proiezione del film di Pietro Germi con Stefania Sandrelli.
Ore 21. Kino Arsenal, Potsdamer Str. 2, Berlin-Tiergarten.

Colonia: Afghanistan 1969. Ein Land vom Kino gerettet
Proiezione del documentario "Afghanistan 1969. Ein Land vom Kino gerettet", girato in Afghanistan nel 1969. La proiezione verrà accompagnata da musica dal vivo di Alessandro Palmitessa e Cosimo Erario dall'Italia, Bassem Hawar dall'Irak, Daud Khan Sadozai dall'Afghanistan. Il progetto è di Geremia Carrara.
Ore 21. Kino 813,

VENERDÌ 31 MAGGIO

Berlino: In nome del popolo italiano
Nell'ambito della rassegna cinematografica "Commedia all'italiana", proiezione del film di Dino Risi con Vittorio Gassmann e Ugo Tognazzi.
Ore 19. Kino Arsenal, Potsdamer Str. 2, Berlin-Tiergarten.

Berlino: C'eravamo tanto amati
Nell'ambito della rassegna cinematografica "Commedia all'italiana", proiezione del film di Ettore Scola con Vittorio Gassman, Stefania Sandrelli e Nino Manfredi.
Ore 21. Kino Arsenal, Potsdamer Str. 2, Berlin-Tiergarten.

ANNUNCI

Berlino: Archivio letteratura italiana in tedesco
L'Istituto Italiano di Cultura di Berlino informa che è disponibile presso il sito internet dell'Istituto, sotto la voce "Biblioteca", una bibliografia della letteratura italiana in traduzione tedesca dal 1940 al 2018 (prime pubblicazioni). L'elenco è stato compilato da Walter Kögler, traduttore e interprete. La Bibliografia sarà aggiornata periodicamente. 

Riconoscimento titoli di studio in Germania: è attivo un nuovo sportello di consulenza in italiano
È attivo a Berlino il nuovo sportello di consulenza gratuita in italiano LaRA – La Red Anerkennungs- und Qualifizierungsberatung, per il riconoscimento dei titoli di studio o qualifiche italiane (e straniere) in Germania, parte di IQ Landesnetzwerk Berlin. Nell'aprile 2012 è entrata in vigore la "Legge per il miglioramento dell'individuazione e del riconoscimento delle qualifiche professionali acquisite all'estero", chiamata anche, in tedesco, Anerkennungsgesetz. Nel caso si abbia un titolo di studio o una qualificazione conseguita all'estero e si voglia lavorare in Germania, è consigliabile - o in molti casi obbligatorio - far riconoscere la propria qualifica professionale in Germania attraverso un processo di equiparazione con una qualifica professionale tedesca comparabile. Oggi la richiesta di riconoscimento per chiunque abbia un titolo di studio o una qualifica conseguita in Italia è diventata più semplice, grazie ad un nuovo sportello di consulenza gratuita in italiano offerto da La Red – Vernetzung und Integration e.V. all'interno di IQ Landesnetzwerk Berlin come parte del programma "Integration durch Qualifizierung (IQ)", finanziato dal Bundesministerium für Arbeit und Soziales e dal Fondo sociale europeo.
La consulenza è gratuita ed è possibile anche nelle seguenti lingue: francese, inglese, italiano, polacco, spagnolo e tedesco.

Tutte le informazioni sono pubblicate al sito:

www.la-red.eu/riconoscimento-titoli/
www.berlin.netzwerk-iq.de

CONCORSI

Racconto d'autore
Per la XIX edizione del bando letterario "Racconto d'autore" dell'Istituto Italiano di Cultura di Stoccarda, gli studenti dei Licei del Baden-Württemberg, della Renania-Palatinato e del Saarland si cimenteranno nella scrittura di un testo nel quale potranno esprimere la loro "visione" dell'Europa. Il giovane autore italiano Nicola H. Cosentino, vincitore del Premio Brancati 2018, fornirà gli spunti che daranno la possibilità ai partecipanti di esprimere le proprie idee e impressioni sui valori europei. Il bando di concorso si può scaricare dalla pagina dell'Istituto italiano di cultura di Stoccarda.

SERVIZI

Colonia: Sportello psicologico
Lo sportello psicologico del centro culturale Mondo Aperto è attivo ogni lunedì dalle ore 9.00 alle ore 16.00.
Mondoaperto, Zugweg 22.

MOSTRE

Amburgo: La villa veneta
Il progetto fotografico di Vincenzo Ciccarello (Associazione Arteficiolinea) esplora la Villa Veneta come oggetto simbolico, che dalla destinazione d'uso originale nel tempo può aver confermato, adattato, rinnovato le sue funzioni originali, dando nuova linfa vitale all'edificio ed al contesto territoriale in cui esso è collocato. Le immagini raccontano l'uso attuale di 19 ville tra le più importanti del Veneto che coprono un arco temporale che si estende dal 1500 ai giorni nostri. Il percorso fotografico raccoglie immagini sulla vita quotidiana in villa, sull'uso attuale, sui fattori che hanno permesso di valorizzare un bene storico e consentirne l'utilizzo in accordo con le esigenze della vita contemporanea. Nato nel 1958, Vincenzo Ciccarello ha iniziato ad occuparsi di fotografia nel 1975, prima come autodidatta e poi partecipando a workshop fotografici con Gianni Berengo Gardin e con il fotografo demoantropologo Franco Bandiera. Dal 1977 al 1982 ha collaborato come giornalista freelance con i periodici mensili "Il Dialogo", e "Consiglio di Fabbrica", fornendo articoli e servizi fotografici. Ha esposto a Milano, Treviso, Ponzano Veneto, Spresiano ed Amburgo, in mostre personali e collettive.
Fino al 7 giugno. Istituto italiano di cultura, Hansastr. 6.

Gemälde von Giovanni Bellini: "Die Darbringung Christi im Tempel"

G. Bellini, "Presentazione di Gesù al tempio"

Berlino: Mantegna e Bellini
La Gemäldegalerie presenta una vasta mostra sulle relazioni tra l’opera di Andrea Mantegna (1431-1506 circa) e quella di Giovanni Bellini (1435-1516 circa). Con circa 100 opere, grazie alla cooperazione degli Staatliche Museen di Berlino con la National Gallery di Londra si mette a confronto per la prima volta l'opera di questi due maestri del Rinascimento italiano. Nel 1452/3 Andrea Mantegna, pittore e incisore attivo a Padova, entrò a far parte della famiglia Bellini, una delle principali famiglie di artisti della vicina Venezia. Le spettacolari invenzioni pittoriche di Mantegna e il suo intenso interesse per l'antichità classica lasciarono un'impressione profonda sul suo presumibilmente più giovane cognato Giovanni Bellini. Durante questo periodo, l'inconfondibile stile pittorico di Bellini influenzò non poco il lavoro di Mantegna. Dopo dieci anni di stretta collaborazione, le loro strade si separarono: nel 1460, Andrea si trasferì a Mantova, dove rimase pittore di corte della famiglia dei Principi Gonzaga fino alla sua morte. Giovanni, invece, trascorse la sua intera carriera artistica a Venezia. Lavorando in ambienti differenti, i loro stili artistici si sono sviluppati in direzioni molto diverse. Tuttavia, il loro lavoro porta chiare tracce di uno scambio che è stato coltivato nel corso dei decenni e che può ancora essere chiaramente percepito.
Fino al 30 giugno. Gemäldegalerie – Staatliche Museen zu Berlin, Matthäikirchplatz.

Berlino: Bellini padre e figlio
La Gemäldegalerie presenta una serie di dipinti di Jacopo e Giovanni, finora mai esposti e dalla 2. Guerra Mondiale deposti in magazzino. Nel frattempo sono stati analizzati e restaurati. In parte si tratta di frammenti di un'altare o di un arredo; complessivamente il loro stato era molto alterato rispetto a quando lasciarono l'atelier dei Bellini oltre 500 anni fa. Con procedure e tecniche come i raggi x e la riflettografia a raggi infrarossi è stato in gran parte possibile ricostruire il processo della creazione di queste opere.
Fino al 21 luglio. Gemäldegalerie – Staatliche Museen zu Berlin, Matthäikirchplatz.

 Giovanni Bellini: "Christus am Ölberg, um 1465

G. Bellini, "Orazione nell'orto"

Berlino: Magie der Stille
24 fotografi espongono le loro opere. Tra loro anche Valentina Murabito che presenta Pantomime, una serie di foto del 2015 che trattano il tema dell'identità.
Fino al 29 maggio. Johanna Brede Photokunst, Fasanenstraße 69.

Berlino: Rom-Berlin. Unscheinbares Europa di Marek Pozniak
Inaugurazione della mostra fotografica con immagini di Roma e Berlino. Le due capitali europee si fondono nelle foto di Pozniak in un'unica immagine su cui appare il Colosseo simbolo di Roma e il Brandeburger Tor, simbolo di Berlino.
Fino al 4 giugno. Istituto italiano di Berlino, Hildebrandstr. 2.

Zwischen allen Stühlen

Mostra "Tra più fuochi": dettaglio di una sala

Berlino: Tra più fuochi. La storia degli internati militari italiani in Germania tra il 1943 e il 1945
Un'esposizione di oggetti e reperti unici dedicata agli IMI presso il Centro di documentazione sul lavoro forzato di Schöneweide – Fondazione Topografia del Terrore di Berlino. Oltre ad onorare la memoria degli oltre 650.000 Internati Militari Italiani nei lager nazisti, l'esposizione permanente conferma l'interesse e la disponibilità a proseguire nella costruzione di una cultura della memoria condivisa degli orrori del passato anche a monito per il futuro, in coerenza con l'impegno assunto nel dicembre 2012 da Italia e Germania per non dimenticare questo doloroso capitolo della nostra storia recente. Il Centro di documentazione sul lavoro forzato durante il Nazionalsocialismo intende favorire la conoscenza e la memoria del dramma vissuto, durante il regime nazista, da circa 12 milioni di uomini, donne, ragazzi e bambini in tutta Europa.L'Istituto Alcide Cervi ha contribuito con un documento, visibile anche sul portale multimediale dell'Istituto. Si tratta della scheda di congedo di Iames Lusetti, internato militare italiano originario di Gattatico e registrato presso lo Stalag X A di Schleswig: il documento è datato agosto 1944 e rappresenta il passaggio degli IMI a "lavoratori civili", allo scopo di mitigarne così le difficili condizioni di vita.
Mostra permanente. Dokumentationszentrum NS-Zwangsarbeit, Britzer Str. 5.

Colonia: Segni nello spazio
Mostra con opere di Isabella e Susanna Bellio. Isabella e Susanna Bellio Manera presentano opere d'arte e di design. Entrambe hanno studiato all'Accademia di Venezia con il maestro Emilio Vedova. Verranno esposte alcune opere inedite insieme ad un breve excursus di pezzi di design, che costituiscono una sorta di sfida nei confronti del legno. Le artiste utilizzano infatti legni abbandonati, restituendo loro valore e attenzione grazie ad una manualità ed un fare che hanno storia e radici a Venezia. Si tratta di una serie di sculture che non hanno né volume né forme chiuse, ma manifestano un senso dinamico ed estendono le loro vibrazioni nello spazio in cui sono immerse. Una esposizione in omaggio alla Fiera Art Cologne.
Fino al 21 giugno. Istituto italiano di cultura, Universitätsstr. 81.

Colonia: You are here
Mostra fotografica con lavori di giovani fotografi che vivono e operano a Colonia. In cooperazione con l'Internationale Photoszene Köln. Saranno esposte opere di Max Dauven, Vera Drebusch, Juliane Herrmann, Marie Köhler, Ludwig Kuffer, Martin Lamberty, Francesca Magistro, Heide Prange, Morgaine Schäfer, Linn Phyllis Seeger, Lucia Tollens, Snezhana von Büdingen und Felix von der Osten.
Fino al 14 luglio. Kölnisches Stadtmuseum, Zeughausstraße 1-3.

Dortmund: Casa Azul
Mostra con opere di Mirella Ventura. La pittrice romana dedica questa mostra a Frida Kahlo e alla sua abitazione "Casa Azul", nella quale visse insieme a Diego Rivera. Mirella Ventura ha ripreso lo stile surrealista dell'artista nei suoi ritratti di donne, che catturano l'immagine di Frida Kahlo e dei colori folcloristici del Messico.
Fino al 9 luglio 2019. Consolato Italiano, Goebenstr. 14.

Francoforte: Tiziano e il Rinascimento a Venezia
La mostra, con oltre 100 capolavori, è dedicata ad uno dei capitoli più significativi della storia dell’arte europea: la pittura veneziana del Rinascimento. All'inizio del 16esimo secolo gli artisti della città lagunare svilupparono una corrente indipendente del Rinascimento, basato su mezzi di espressione strettamente pittorici concentrati sull'effetto della luce e dei colori. Uno dei principali esponenti di questa corrente è Tiziano (ca. 1488/90-1576), che per tutta la sua vita è stato una figura di rilievo dell'arte veneziana. Questa mostra, che propone più di venti opere di questo artista, è la più grande fra tutte quelle allestite fino ad oggi in Germania. Oltre a queste opere la mostra propone dipinti e disegni, tra gli altri, di Giovanni Bellini, Jacopo Palma il Vecchio, Sebastiano del Piombo, Lorenzo Lotto, Jacopo Tintoretto, Jacopo Bassano e Paolo Veronese. Attraverso una serie di otto capitoli tematici, la mostra presenta i principali aspetti che caratterizzano la pittura veneziana del 16esimo secolo. Di questi fanno parte i paesaggi, la rappresentazione ideale di "belle donne" e il significato del colore nell'arte veneziana. Oltre alle opere che appartengono alla collezione del Museo Städel (della quale fa parte il "Ritratto di un giovane uomo", di Tiziano, del 1510), la mostra presenta capolavori provenienti da più di 60 musei tedeschi e stranieri.
Fino al 26 maggio. Museo Städel, Schaumainkai 63.

Heidelberg: Matera, capitale europea della cultura
Mostra fotografica di Gaetano Plasmati. Fotografo professionista di reportage; nato a Matera, dove fa base tra un viaggio e l'altro, innamorato della sua terra, alla quale ha dedicato il libro fotografico "Basilicata, terra di mezzo". La piccola mostra fotografica presenta paesaggi, paesi e feste popolari della Basilicata e anticipa la conferenza che si terrà nel semestre invernale.
Fino al 29 novembre. Romanisches Seminar, Seminarstr. 3.

Lipsia: Leonardo Da Vinci, Raffaello e Michelangelo. I giganti del Rinascimento
Più che di una mostra si tratta di uno show multimediale immersivo, che offre la possibilità di ammirare i capolavori del Rinascimento proiettati su delle superfici enormi. Attraverso la musica si entra quindi in contatto più diretto con le opere.
Fino al 31 luglio. Kunstkraftwerk Leipzig, Saalfelder Str. 8.

Monaco: Mostra fotografica Scrittori italiani del '900
La mostra fotografica è dedicata ad una serie di autori ed autrici italiani che hanno dato un'impronta alla cultura degli italiani nel '900. La traduzione delle loro opere ha contribuito a formare l'immagine dell'Italia e della letteratura italiana all'estero, anche nei lettori tedeschi. Italo Calvino, Umberto Eco, ma anche Dino Buzzati, Alda Merini e tanti altri. Che rapporti avevano? Hanno mai bevuto un bicchiere di vino insieme? Si criticavano?  Non solo foto, ma anche collegamenti critici, curiosi e divertenti da scoprire alla Pasinger Fabrik. La mostra, coordinata da Isabel von Ehrlich, è curata da studenti del master e dottorandi dell'università LMU di Monaco.
Lichthof der Pasinger Fabrik, August-Exter-Str. 1.

Potsdam: Museo Barberini
Il Museo Barberini apre le sue porte con un edificio decisamente imponente, ricostruito secondo il modello del Palais Barberini, fatto erigere da Federico II seguendo il modello del Palazzo Barberini di Roma e distrutto durante la seconda Guerra Mondiale. Il museo ha aperto le sue porte il 23 gennaio "2017".
Museum Barberini, Alter Markt- Humboldtstraße 5-6.

Stand: 23.05.2019, 17:50