Live hören
Jetzt läuft: Slow Dance (Voilaaa Remix) von Blundetto

Eventi italiani in Germania

Eventi italiani in Germania

Il calendario di Elisabetta Gaddoni ti informa sui principali eventi culturali in Germania che, dal venerdì al giovedì successivo, hanno come protagonista l'Italia o persone italiane.

Band Talco

La band Talco

Anticipazioni

E qui puoi già scoprire i concerti di artisti italiani in Germania annunciati per i prossimi mesi.

VENERDÌ 11 GENNAIO

Amburgo: La strategia del ragno
Proiezione del film di Bernardo Bertolucci (1969) tratto da un racconto di Jorge Luis Borges, con Giulio Brogi, Alida Valli, Tino Scotti. "Viaggio di un giovane, Athos, alla ricerca della verità sulla morte del padre, ucciso dai fascisti nel 1936, e considerato un eroe. In un paesino della Bassa parmense rintraccia i protagonisti e i testimoni dell'episodio, l'ormai anziana amante e i tre amici del padre che parteciparono con lui a un attentato fallito contro Mussolini. Ma, come nel mitico Rashomon, la verità ha mille facce, le versioni sulla figura del padre sono diverse e contrastanti, e Athos non riuscirà a sapere se il padre fu un vile o un coraggioso" (MyMovies). In lingua tedesca.
Anche il 15.1.
Ore 19:15. Metropolis Kino, Kleine Theaterstraße 10.

Berlino: Concerto di capodanno
Anna Roberta Sorbo, soprano e Diego Savini, baritono, accompagnati da Francesco De Poli, pianoforte, eseguono brani da opere di Rossini, Bellini, Donizetti, Leoncavallo, Verdi e Puccini. Introduzione e saluto di Nicola Sani (Accademia Musicale Chigiana).
Ore 18. Sala feste dell’Ambasciata d’Italia, Tiergartenstraße 22.

Colonia: My big crazy italian wedding
Nell'ambito del festival "Homocrome", dedicato al cinema omosessuale, proiezione del film "Puoi baciare lo sposo" di Alessandro Genovesi, uscito in Germania col titolo "My big crazy italian wedding". Antonio e Paolo sono innamorati e convivono felicemente a Berlino. Quando Antonio chiede a Paolo di sposarlo, lui acconsente ma pone una condizione: quella di essere presentato ai futuri suoceri in Italia. I quali però, anche se moderni e progressisti, ancora non sanno nulla dell'omosessualità di Paolo…
In lingua tedesca.
Ore 20:30. Filmforum NRW, Bischofsgartenstr. 1.

Hannover: The Best of Ennio Morricone
Oltre 100 musicisti e cantanti della Milano Festival Opera, diretti da Marco Seco, presentano brani tratti dalle colonne sonore più famose del maestro, composte per film come  The Hateful 8 – Django Unchained – Kill Bill, C'era una volta il west, Cinema Paradiso e altri, con proiezione di scene dai film su schermo gigante. (anche a Berlino, 15.1., a Brema 16.1. e a Colonia, 20.1.)
Lunedì 21 gennaio Morricone stesso sarà a Berlino (Mercedes Benz Arena, ore 20), nell'ambito della sua tournee d'addio, accompagnato da oltre 200 musicisti e cantanti.
Ore 20. Küppelsaal im HCC, Theodor-Heuss-Platz 1 - 3.

Stoccarda: Andrea Bocelli
Continua la tournee europea di Andrea Bocelli. Il tenore, accompagnato da un'orchestra, da un coro e da alcuni solisti d'eccezione, complessivamente oltre 150 musicisti, presenta i suoi brani più famosi e alcuni nuovi tratti dal suo album attuale "Si".
Ore 20. Hanns-Martin-Schleyer-Halle, Mercedesstraße 69.

Stoccarda: Cristo si è fermato a Eboli
Nell'ambito della rassegna cinematografica: Basilicata, mon amour - Un omaggio a Matera, Capitale della Cultura Europea 2019, proiezione del film di Francesco Rosi (1979). Un film forte, sobrio ed eloquente, tratto dall'omonimo romanzo di Carlo Levi, in cui la Basilicata cupa e desolata del confino politico cui è condannato il protagonista, rivela pian piano tutta la sua profonda e complessa umanità. La Basilicata arcaica e maestosa ha offerto spesso fonte d'ispirazione a registi italiani e stranieri che vi hanno ambientato storie diverse nelle quali però il paesaggio conquista sempre un ruolo di primo piano. Introduzione in italiano: Dr. Rossana Lucchesi.
Ore 19. Istituto Italiano di Cultura, Kolbstr. 6, Stoccarda.

SABATO 12 GENNAIO

Berlino: Il pesciolino d'oro
Spettacolo interattivo in lingua italiana per bambini dai 4 anni (durata 35/ 40 minuti) dell'attrice Federica Spinello (Berlino Italia Improv). La vita semplice e umile di un pescatore e sua moglie cambia con l'arrivo di un piccolo pesciolino d'oro in grado di parlare ed esaudire ogni loro desiderio. La moglie ingenua cade nella trappola di chiedere troppo senza essere mai soddisfatta da ciò che ottiene fino al punto da far perdere la pazienza al povero pesciolino. Una favola che fa riflettere sull'essere felici ed apprezzare ciò che si ha.
Ore 16. Libreria Mondolibro, Torstr. 159.

Brema: Antonio Pompa-Baldi
"
Bremen zwei" presenta un musicista d'eccezione: nato a Foggia nel 1974 Antonio Pompa-Baldi ha vinto i premi e concorsi pianistici più prestigiosi ed è uno dei musicisti italiani più riconosciuti a livello internazionale.  Si é esibito in teatri come la Carnegie Hall di New York, la Salle Pleyel di Parigi e la Symphony Hall di Boston. Eseguirà opere di Johann Nepomuk Hummel, Franz Liszt, Edward Grieg, Robert Piana e  Francis Poulenc.
Ore 20. Sendesaal Bremen, Bürgermeister-Spitta-Allee 45.

Colonia: Lonely Child
Il soprano Katrien Baerts esegue insieme alla WDR Sinfonieorchester, diretta da Bas Wiegers, composizioni inedite di Oscar Bianchi, Yorck Höller, Claude Vivier e Robert HP Platz. Livestream nella trasmissione "Das Konzert" dalle 20.04 alle 22 su WDR 3. 
Ore 20. Funkhaus Wallrafplatz 1.

Lubecca: Il viaggio in Italia di Goethe 1786 – 1788
Conferenza di Klaus Kirmis, Osnabrück , organizzatore di viaggi  culturali.
Ore 17. Museo Behnhaus Drägerhaus, Königstraße 9.

DOMENICA 13 GENNAIO

Berlino: Come un gatto in tangenziale
Nell'ambito della rassegna "CinemAperitivo" proiezione del film di Riccardo Milani (2018) con Paola Cortellesi, Antonio Albanese, Sonia Bergamasco, In italiano con sottotitoli in tedesco. Giovanni lavora per una think tank che si propone di riqualificare le periferie italiane. La sua ex moglie Luce coltiva lavanda in Provenza, convinta di essere francese. Giovanni e Luce hanno allevato la figlioletta tredicenne Agnese secondo i principi dell'uguaglianza sociale, anche se vivono al caldo nel loro privilegio. E quando Agnese rivela a Giovanni la sua cotta per Alessio, un quattordicenne della borgata romana Bastogi tristemente nota per il suo degrado, papà, terrorizzato, segue la ragazzina fino alla casa dove Alessio abita insieme alla mamma Monica e alle due zie Pamela e Sue Ellen (sì, come le protagoniste di Dallas). Giovanni scoprirà che Monica è altrettanto atterrita all'idea che suo figlio frequenti una ragazzina dei quartieri alti: "Non siamo uguali", Monica avverte Alessio. "Inutile farsi illusioni".
Ore 16. Kino Babylon, Rosa-Luxemburg-Str. 30.

Colonia: Stella Tonon
"
Malarazza", canzoni d'amore, di sofferenza e di resistenza da diverse regioni d'Italia.
Ore 18. Weißer Holunder, Gladbacherstr. 48.

LUNEDÌ 14 GENNAIO

Düsseldorf: The Best Of Ennio Morricone
(v.11.1.)
Ore 20.Mitsubishi Electric Halle,  Siegburger Str. 15.

Wolfsburg: Alinde Quartett
Concerto del quartetto d'archi formato da Eugenia Ottaviano   (violino),   Guglielmo  Dandolo   Marchesi (violino), Erin Kirby (viola) e Moritz Benjamin Kolb (violoncello).  In programma opere di J. Haydn, F. Schubert , C. Nielsen. 
Ore 19:30. Gartensaal Schloss Wolfsburg.

MARTEDÌ 15 GENNAIO

Amburgo: La strategia del ragno
Proiezione del film di Bernardo Bertolucci (1969) v. 11.1.
In lingua tedesca.
Ore 17. Metropolis Kino, Kleine Theaterstraße 10.

Berlino: The Best of Ennio Morricone
(v. 11.1.)
Ore 20. Philharmonie, Herbert-von-Karajan-Straße 1.

Colonia: Curia papale e finanze nel Rinascimento
Conferenza del Prof. Götz-Rüdiger Tewes, Università di Colonia.  Dal '300 in poi, l'economia basata sul denaro fu applicata anche presso la curia papale in dimensioni fino ad allora sconosciute. L'aumento della fiscalizzazione delle grazie papali fu amministrato in modo quasi esemplare per il bilancio di uno stato europeo attraverso un'autorità finanziaria e agendo in modo sempre più centralistico attraverso la Camera Apostolica, in cui avevano un ruolo portante, oltre ai diversi funzionari papali, anche famosi istituti bancari come ad es. i Medici, che spesso esercitavano anche funzioni importanti per l'amministrazione finanziaria del territorio laico del Papa, cioè dello Stato Pontificio. La conferenza però non si occupa soltanto di questi aspetti, ma anche delle esperienze fatte dai tedeschi con le tante istituzioni finanziarie curiali spesso in concorrenza tra di loro.
Ore 19. Istituto Italiano di Cultura, Universitätsstr. 81.

MERCOLEDÌ 16 GENNAIO

Amburgo: Sicilia e letteratura  
"
Trauer und Licht" - Ein neuer Blick auf Sizilien und seine Literatur. In prossimità della pubblicazione del suo nuovo libro Maike Albath, una delle più profonde conoscitrici della letteratura italiana contemporanea, parla con Marc Föcking della Sicilia e dei suoi scrittori.
Ore 19. Istituto Italiano di Cultura, Hansastr. 6.

Berlino: La terra dell'abbastanza
Proiezione del film di Damiano e Fabio D'Innocenzo (2018), uno dei pochi film italiani invitati alla Berlinale dell'anno scorso. E' l'opera prima dei due fratelli gemelli, loro stessi cresciuti  nella periferia romana come i protagonisti del  film. "Mirko e Manolo sono due giovani amici che, guidando a tarda notte, investono un uomo e decidono di scappare. La tragedia si trasforma in un apparente colpo di fortuna: l'uomo che hanno ucciso è un pentito di un clan criminale di zona e facendolo fuori i due ragazzi si sono guadagnati un ruolo, il rispetto e il denaro che non hanno mai avuto. Un biglietto d'entrata per l'inferno che scambiano per un lasciapassare verso il paradiso." (Comingsoon)
In italiano con sottotitoli in inglese. Sarà presente Matteo Olivetti, che nel film interpreta Manolo.
Ore 20. Il Kino, Nansenstr. 22.

Berlino: Alessio Bondì:
Concerto del giovane cantautore palermitano e della sua band. Vincitore nel 2013 del Premio De André, poi nel 2014 della Targa SIAE e del Premio Parodi, Alessio ha pubblicato tre anni fa il suo primo album, Sfardo, con brani in dialetto palermitano cantati con leggerezza quasi brasiliana. Le sonorità folk, latin e blues si trovano in parte anche nel suo nuovo album, che porta il nome "Nivuru" (nero).
Ore 20. Auster Club, Pücklerstraße 34.

Brema: The Best Of Ennio Morricone
(v.11.1.)
Ore 20. Die Glocke, Domsheide 6 - 8.

Francoforte: Non è un paese per giovani
Nell'ambito della rassegna "Generazione piano B" proiezione del film di Giovanni Veronesi (2017). Introduzione: Massimo Fagioli (docente). Organizza: Associazione Italiani in Deutschland e.V. Francoforte - Ingresso gratuito.
Ore 19:15. Sala Europa Consolato Generale d’Italia, Kettenhofweg 1.

GIOVEDÌ 17 GENNAIO

Amburgo: Lezioni Olivettiane
Doppia conferenza (in italiano con traduzione simultanea) di Paola Ascione e Franco Panzini, nell'ambito del ciclo Archeologia industriale/  Rigenerazione urbana.
Ore 19. Istituto Italiano di Cultura, Hansastr. 6.

Berlino: Alessandro Lanzoni Quartet
Concerto del quartetto fondato dal giovane pianista fiorentino e da Alessandro Presti (tromba), Igor Spallati (basso) e Ugo Alunni (batteria) . In programma brani noti del repertorio jazz e composizioni originali.
Ore 21. Zig Zag Club, Hauptstr. 89.

Braunschweig: The Best Of Ennio Morricone
(v.11.1.)
Ore 20. Stadthalle Braunschweig, Leonhardplatz.

Colonia: Lectura Dantis
Una volta al mese, sempre di giovedì alle ore 17.30, il Prof. Roellenbleck organizza una lettura di un canto della Divina Commedia. Una manifestazione dell'Associazione degli Amici dell'Istituto. Ingresso: Libero
Ore 17:30.  Istituto Italiano di Cultura, Universitätsstr. 81.

Düsseldorf: Chi salverà le rose?
Italienischer Filmclub:  Proiezione del film di Cesare Furesi (2017) in italiano con sottotitoli in tedesco. Giulio e Claudio sono una coppia da molto, molto tempo. Per restare accanto a Claudio, affetto da una grave malattia, Giulio ha abbandonato il poker, che per lui era più una professione che un vizio, e a poco a poco ha venduto i mobili di casa, sostituendosi alla servitù nell'accudire il suo amato. Ma ora ha bisogno di aiuto ed è costretto a rivolgersi alla persona con cui va meno d'accordo: la figlia Valeria, orfana di madre, che se ne è andata dalla casa di Giulio e Claudio in polemica con la passione del padre per il gioco d'azzardo. Valeria ha a sua volta un figlio, Marco, che sembra avere ereditato dal nonno la passione per le carte, ma non ha ancora dato prova dello stesso talento. Quando però Claudio rivela a Marco che l'unico modo per uscire dai debiti è un'ultima, grande partita di poker, il ragazzo convincerà nonno Giulio a tornare al tavolo da gioco.
Ore 20. im Black Box Kino, Filmmuseum Düsseldorf, Schulstraße 4.

ANNUNCI

Berlino: Archivio letteratura italiana in tedesco
L'Istituto Italiano di Cultura di Berlino informa che è disponibile presso il sito internet dell'Istituto, sotto la voce "Biblioteca", una bibliografia della letteratura italiana in traduzione tedesca dal 1940 al 2018 (prime pubblicazioni). L'elenco è stato compilato da Walter Kögler, traduttore e interprete. La Bibliografia sarà aggiornata periodicamente. 

MOSTRE

Amburgo: Pesci volanti e cani serpente
Mostra dell'illustratrice d'infanzia Martina Peluso. La mostra ci accompagna nell'immaginario creativo dell'artista napoletana e incoraggia sia i più giovani che gli adulti ad esplorare il magico mondo dei libri illustrati. Sono in esposizione una selezione di illustrazioni originali che mostrano le varie tecniche usate dall'artista: pittura acrilica su carta, grafite e tecnica digitale stampata su carta. Una sezione della mostra è dedicata agli schizzi, con lo studio dei characters, degli interni e dei paesaggi e all'esposizione di alcuni dei libri pubblicati in differenti lingue. Martina Peluso ha lavorato in tutte gli ambiti dell'illustrazione editoriale, includendo anche la pubblicità, il packaging e il design, ma la sua "specialità" è l'editoria per l'infanzia. I suoi lavori sono stati esposti sia in mostre collettive che personali in vari paesi e ha pubblicato libri in tutti i continenti. Vernissage: venerdì 11 gennaio 2019, ore 19
Fino al 15 marzo 2019. Istituto Italiano di Cultura di Amburgo, Hansastr. 6.

Zwischen allen Stühlen

Mostra "Tra più fuochi": dettaglio di una sala

Berlino: Tra più fuochi. La storia degli internati militari italiani in Germania tra il 1943 e il 1945
Un'esposizione di oggetti e reperti unici dedicata agli IMI presso il Centro di documentazione sul lavoro forzato di Schöneweide – Fondazione Topografia del Terrore di Berlino. Oltre ad onorare la memoria degli oltre 650.000 Internati Militari Italiani nei lager nazisti, l'esposizione permanente conferma l’interesse e la disponibilità a proseguire nella costruzione di una cultura della memoria condivisa degli orrori del passato anche a monito per il futuro, in coerenza con l'impegno assunto nel dicembre 2012 da Italia e Germania per non dimenticare questo doloroso capitolo della nostra storia recente. Il Centro di documentazione sul lavoro forzato durante il Nazionalsocialismo intende favorire la conoscenza e la memoria del dramma vissuto, durante il regime nazista, da circa 12 milioni di uomini, donne, ragazzi e bambini in tutta Europa.L'Istituto Alcide Cervi ha contribuito con un documento, visibile anche sul portale multimediale dell'Istituto. Si tratta della scheda di congedo di Iames Lusetti, internato militare italiano originario di Gattatico e registrato presso lo Stalag X A di Schleswig: il documento è datato agosto 1944 e rappresenta il passaggio degli IMI a "lavoratori civili", allo scopo di mitigarne così le difficili condizioni di vita.
Mostra permanente. Dokumentationszentrum NS-Zwangsarbeit, Britzer Str. 5.

Berlino: Alfredo Aceto
Azure: mostra personale dell'artista torinese, classe 1991, residente a Losanna. Aceto si serve della pittura, della scultura, del disegno e del suono, mescolando aneddoti biografici e reminiscenze della storia dell'arte. Le sue opere sono ispirate da temi come l'identità, la memoria, il tempo e la morte.  Nelle sue istallazioni Aceto crea spazi ibridi nei quali gli oggetti vengono messi in scena in un dialogo simbolico su questioni riguardanti la scultura e le forme narrative. In  "Azure" pezzi di auto, gioielli, un idrante e un braccio con una penna stilografica perdono la loro funzionalità. Posti su piedistalli o appesi alle pareti come opere d'arte, sviluppano nuovi potenziali narrativi.
Fino al 9 febbraio 2019. Galerie Helle Coppi, Auguststrasse 83.

Berlino: Bellini padre e figlio
La Gemäldegalerie presenta una serie di dipinti di Jacopo e Giovanni, finora mai esposti e dalla 2. Guerra Mondiale deposti in magazzino. Nel frattempo sono stati analizzati e restaurati. In parte si tratta di frammenti di un'altare o di un arredo; complessivamente il loro stato era molto alterato rispetto a quando lasciarono l'atelier dei Bellini oltre 500 anni fa. Con procedure e tecniche come i raggi x e la riflettografia a raggi infrarossi è stato in gran parte possibile ricostruire il processo della creazione di queste opere.
Fino al 21 luglio 2019. Gemäldegalerie Kulturforum, Matthäikirchplatz.

Berlino: Remottis Welten
La mostra raccoglie le carte, i disegni, opere materiche, scultoree, i racconti a fumetti e gli appunti figurativi della vita di Remo Remotti tra verità e finzione. Remotti scriveva, disegnava, dipingeva, manipolava, costruiva, recitava, declamava, partecipava; entità umana per molti indefinibile, genericamente radicale e controcorrente, cui opera sfugge al margine delle categorie, attraversa i generi per ribaltarli nel loro contrario, in sintonia con un certo clima anni Sessanta, quando le contaminazioni linguistiche erano spontanee e realmente innovative. Remotti è nato a Roma. Dopo una formazione da giurista, emigra per 7 anni in Perù, dove scoprirà la sua passione per l'arte. Tornato in Italia, Remotti è nel corso degli anni Sessanta a Milano, dove ha modo di frequentare la scena culturale ed esporre le sue prime opere in gallerie private. Si trasferisce in Germania dal 1968 al 1971 e diventa assistente di studio di Emilio Vedova. Ristabilitosi in Italia, inizia l'attività di autore teatrale nonché di attore, grazie all'amico Renato Mambor, e conosce così Marco Bellocchio. Numerose saranno le partecipazioni in opere cinematografiche, fino all'incontro con Nanni Moretti. Remotti continua l'attività di artista visivo, esponendo tra l'altro alla Quadriennale di Roma. Lavora tra gli altri con Carlo Mazzacurati, Ettore Scola, Paolo e Vittorio Taviani, Francis Ford Coppola, Nanni Loy, Aurelio Grimaldi, Maurizio Nichetti, Enzo de Caro, Christian De Sica, Francesco Nuti, Carlo Verdone, Silvio Soldini, Massimiliano Bruno. Si esibisce in spettacoli dal vivo, continua l'attività di attore, artista visivo, scrittore. Muore e Roma nel 2015.
Inaugurazione della mostra martedì 15 gennaio, ore 19. Sarà presente il curatore Gianluca Marziani.
Fino al 22 marzo 2019.  Istituto Italiano di Cultura Berlino Hildebrandstraße 2.

Brema: Rosa Barba
Mostra personale dell'artista siciliana (1972) che ormai da tempo vive e lavora a Berlino. Le sue opere tematizzano i rapporti tra film, spazio e osservatore. Composizione, corporeità della forma e plasticità ricoprono una grande importanza nella percezione dei suoi lavori. La decostruzione del film nei suoi elementi genera oggetti animati e installazioni spaziali.
Fino al 10 febbraio 2019. Kunsthalle. Am Wall 207.

Colonia: Dario Fo a colori
Mostra a cura della Compagnia teatrale Fo Rame. La mostra "Dario Fo a colori" mostra al visitatore i dipinti dell'artista, a partire dalle opere realizzate all'inizio degli anni Cinquanta fino a quelle degli ultimi anni. "Dico sempre che mi sento di essere un attore dilettante e un pittore professionista. Se non avessi questa naturale spensieratezza di raccontare attraverso i miei quadri, sarei un mediocre scrittore di opere teatrali, fiabe o grottesche satiriche". È in questi termini che Dario Fo, premio Nobel per la letteratura nel 1997, parlava della sua passione per la pittura, la quale lo portava sempre a dipingere in ogni occasione e tutti i giorni, soprattutto quando aveva difficoltà a scrivere una commedia; ha sempre usato la pittura come mezzo per studiare i movimenti degli attori sul palcoscenico, per disegnare le scenografie e i costumi, per illustrare le numerose pubblicazioni e, soprattutto, per raccontare la storia, che preparava come una sorta di libro di scena per lo spettacolo, prima di tradurla in parole.
Fino al 15 febbraio 2019. Istituto italiano di cultura, Universitätsstr. 81.

Dresda: Disegni italiani del 16. Secolo
Im Reich der Möglichkeiten: Italienische Zeichnungen des 16. Jahrhunderts: La mostra illustra la ricchezza dell'arte del disegno nell'Italia del Rinascimento, con opere e schizzi di Raffaello, Correggio, Anguissola, Barocci, Bronzino, Carracci, Pontormo , Tintoretto e altri.
Fino al 20 gennaio Kupferstich-Kabinett, Residenzschloss.

Essen: Unheimlich real. Pittura italiana degli anni Venti
L'esposizione mostra come il Realismo Magico si sia sviluppato in Italia negli anni Venti, una corrente autonoma, a lungo equiparata alla Nuova Oggettività. Di questa corrente si possono ammirare oltre 80 dipinti, tra cui importanti opere dei protagonisti Ubaldo Oppi, Antonio Donghi e Felice Casorati, che dialogano con opere di Giorgio de Chirico, Giorgio Morandi, Carlo Carrà e Gino Severini.
Fino al 13 gennaio 2019. Museum Folkwang, Museumsplatz 1.

Francoforte: Sandi Renko  e Mario Vièzzoli
Dal segno al suono. Traduzioni sonore di Nicola Sanguin
Inaugurazione sabato 3 novembre alle 11 in presenza degli artisti.
Fino all'11 gennaio 2019. Westend Galerie, Arndtstraße 12.

Monaco: Florenz und seine Maler
È dedicata ai pittori di Firenze del XV secolo la mostra nei nuovi locali della Alte Pinakothek. La mostra si intitola: Florenz und seine Maler: von Giotto bis Leonardo Da Vinci. Si possono ammirare 120 opere, molte delle quali sono prestiti.
Fino al 27 gennaio 2019. Alte Pinakothek, Barer Str. 27. 

Monaco: Forme di paesaggio. Basilicata, 2018
Mostra fotografica di Antonio Di Cecco. Dopo il grande successo di Amburgo, la mostra fa tappa a Monaco di Baviera. "Una volta in cima alla ripida scalinata scavata nella roccia, il mio sguardo cerca istintivamente il mare ma l'orizzonte piatto è ancora lontano da raggiungere. Mi trovo sulle Piccole Dolomiti Lucane, una singolarità geologica dell'Appennino Meridionale. Riprendo il mio percorso verso il mare, attraverso il paesaggio osservato dall'alto e ne esploro i segni. Mi trovo in uno spazio modellato dal tempo e dall'acqua. Il territorio della Basilicata si sviluppa essenzialmente su quote montane e collinari. Continue azioni erosive generano estese aree calanchive mentre i materiali vengono portati a valle dai numerosi fiumi. Ed io non faccio altro che seguirne il corso" (Antonio Di Cecco). Antonio Di Cecco, nato nel 1978 a L'Aquila dove attualmente vive e lavora, è laureato in Ingegneria Edile-Architettura con una tesi in Composizione Architettonica. Si occupa di fotografia di paesaggio urbano e architettura, oltre all'analisi dei processi di modificazione dei luoghi, con interesse specifico per l'ambito montano.
Fino al 22 febbraio 2019. Istituto Italiano di Cultura, Hermann-Schmid-Str. 8.

Potsdam: Museo Barberini
Il Museo Barberini apre le sue porte con un edificio decisamente imponente, ricostruito secondo il modello del Palais Barberini, fatto erigere da Federico II seguendo il modello del Palazzo Barberini di Roma e distrutto durante la seconda Guerra Mondiale. Il museo ha aperto le sue porte il 23 gennaio "2017".
Museum Barberini, Alter Markt- Humboldtstraße 5-6.

Stoccarda: Paesaggi del Sud. Omaggio a Palermo, capitale italiana della cultura 2018
Mostra di Siegfried Albrecht. Dipinti, incisioni e acqueforti, che immortalano i diversi paesaggi dell'Italia meridionale, formano il repertorio artistico di Siegfried Albrecht.
Fino al 26 gennaio. Istituto Italiano di Cultura, Kolbstr. 6.

Stand: 10.01.2019, 17:50