Live hören
Jetzt läuft: Year For Love von Voice

Eventi italiani in Germania

Eventi italiani in Germania

Il pianista Stefano Bollani suona a lunedì Berlino insieme al fisarmonicista Vincent Peirani sotto la direzione del compositore norvegese Geir Lysne, conosciuto per le sue rielaborazioni di musicisti come Monteverdi, Rossini, Leoncavallo e Puccini. È solo uno degli appuntamenti italiani dei prossimi giorni.

Stefano Bollani Jazz-Pianist

Stefano Bollani

A cura di Angela Sinesi

Anticipazioni

Fra gli artisti italiani in arrivo in Germania prossimamente: Il Volo, Vinicio Capossela e Zucchero. Zucchero si esibirà inoltre con Gianna Nannini e Niccolò Fabi all'Hessentag di Rüsselsheim il 16 giugno.

E per il primo gennaio 2018 vi segnaliamo "Napoli Trip 2018": con Flo, Stefano Bollani, Daniele Sepe ed Enrico Rava

VENERDÌ 9 GIUGNO

Amburgo: Anat Fort Trio & G.Trovesi

Il Trio Anat Fort insieme a Gianluigi Trovesi suona brani tratti dall'album del Trio "Birdwatching". La formazione è composta dalla pianista israeliana Anat Fort, dal bassista Gary Wang e dal percussionista Roland Schneider. Ospite speciale della serata sarà il clarinettista Gianluigi Trovesi.
Ore 20. Rolf-Liebermann-Studio, Oberstraße 120.

Berlino: Veloce come il vento
Proiezione del film di Matteo Rovere. La passione per i motori scorre da sempre nelle vene di Giulia De Martino. Viene da una famiglia che da generazioni sforna campioni di corse automobilistiche. Anche lei è un pilota, un talento eccezionale che a soli diciassette anni partecipa al Campionato GT, sotto la guida del padre Mario. Ma un giorno tutto cambia e Giulia si trova a dover affrontare da sola la pista e la vita. A complicare la situazione il ritorno inaspettato del fratello Loris, ex pilota ormai totalmente inaffidabile, ma dotato di uno straordinario sesto senso per la guida. Saranno obbligati a lavorare insieme, in un susseguirsi di adrenalina ed emozioni che farà scoprire loro quanto sia difficile e importante provare ad essere una famiglia. Alla proiezione del film sarà presente la protagonista del film Roberta Mattei. In italiano con sottotitoli.
Ore 21.15. Hackesche Höfe, Rosenthaler Str. 40-41.

Colonia: In guerra per amore
Proiezione del film di Pierfrancesco Diliberto. New York 1943. Mentre il mondo è nel pieno della Seconda guerra mondiale, Arturo (Pif) vive la sua travagliata storia d'amore con Flora (Miriam Leone), promessa sposa al figlio di un importante boss siciliano. Per convolare a nozze, il protagonista deve ottenere il sì del padre della sua amata che vive in un paesino della Sicilia. Il giovane ha un solo modo per raggiungere l'isola: arruolarsi nell'esercito americano che si prepara allo sbarco nel sud Italia. Pif lo racconta come un punto di svolta per le sorti della guerra e per la diffusione tentacolare di Cosa Nostra. Quella che all'inizio sembra una favola è infatti una lenta progressione verso la consapevolezza dell'imminente sfacelo che appare in tutta la sua evidenza proprio quando vengono distribuite le cariche politiche ai mafiosi del paesino in cui approdano gli americani.
Ore 20. Mondoaperto, Zugweg 22.

Dortmund: Habemus Papam
Nell'ambito della rassegna dedicata a Nanni Moretti, proiezione del film Habemus Papam. Organizzata dall'Italien Verein di Dortmund.
Ore 19. Italien Verein, Immermannstraße 29.

Stoccarda: Veloce come il vento
Proiezione del film di Matteo Rovere. Il film resterà nelle sale del cinema fino al 13 giugno.
Ore 20. Cinema, Königstr. 22.

SABATO 10 GIUGNO

Anat Fort Trio & G.Trovesi

Il Trio Anat Fort insieme a Gianluigi Trovesi suona brani tratti dall’album del Trio "Birdwatching". La formazione è composta dalla pianista israeliana Anat Fort, dal bassista Gary Wang e dal percussionista Roland Schneider. Ospite speciale della serata sarà il clarinettista Gianluigi Trovesi.
Ore 21. Zig Zag Jazz Club, Hauptstr. 89.

DOMENICA 11 GIUGNO

Berlino: Sicily Jass

Nell'ambito della rassegna "Cinemaperitivo", proiezione del documentario "Sicily Jass" di Michele Cinque con Mimmo Cuticchio e Roy Paci. Il film scopre l'influenza che gli emigranti italiani hanno esercitato sul Jazz e del ruolo rilevante svolto nella nascita di quello che è considerato l'ultimo genere della musica americana. Ambientato in una Sicilia senza tempo e nella New Orleans di oggi e di ieri, il film racconta la storia di Nick La Rocca, fondatore dell'Original Dixieland Jazz Band nel 1911. In italiano e in inglese. Al termine dibattito con il regista.
Ore 16. Babylon, Rosa-Luxemburg-Str. 30.

Colonia: Habit cycle
Inaugurazione della mostra di Emanuele Soavi. La mostra presenta foto che documentano la collaborazione tra il fotografo Joris-Jan Bos e il Label Emanuele Soavi incompany. In particolare le foto mostrano le coreografie di Emanuele Soavi realizzate dal 2011 a oggi.  
Ore 11. Galerie Freiraum Köln, Gottesweg 116.

LUNEDÌ 12 GIUGNO

Berlino: La vita non è il male

Incontro con gli autori Gabriella Caramore e Maurizio Ciampa e presentazione del loro libro: "La vita non è il male". In lingua italiana con traduzione simultanea. Questo libro nasce nel frastuono e nell'affanno, nel disordine e nel subbuglio in cui siamo quotidianamente immersi. Nasce dalla fatica di mettere insieme i frammenti di senso che ci possono consentire di vivere. Nasce dal desiderio di dire e di capire che 'la vita non è il male', come scrive Vasilij Grossman in Vita e destino, per quanto la presenza del male possa apparire ai nostri occhi invadente e pervasiva. 'La vita non è il male' non è una tranquilla e ovvia constatazione, è il risultato di un atto più o meno rischioso, come emerge dalle molte storie che sono state raccolte nel libro, cercandole non solo nei testi delle antiche sapienze o nelle parole delle tradizioni religiose e dei grandi maestri, nelle narrazioni letterarie e cinematografiche di scrittori e registi, ma anche nelle immagini e nelle cronache che in questi anni continuano a inquietarci, e negli atti di coraggio che elevano la condizione umana. Perché il bene non smette di affiorare, di rinnovarsi, di esistere. Cercare il bene significa anche domandarsi se esso sia un fatto soltanto individuale o se sia possibile, e in che modo, anche un'altra misura, più estesa. Se sia in definitiva possibile costruire una 'rete di fraternità'. La risposta è appena accennata. Starà al lettore darle compimento. Una mappa preziosa, segnata con lucidità da due voci autorevoli e appassionate. Entrambi gli autori sono anche giornalisti e lavorano in particolare per la Rai.
Ore 19. Istituto italiano di cultura, Hildebrandstr. 2.

Berlino: Trio Stefano Bollani
Il pianista Stefano Bollani suona insieme al fisarmonicista Vincent Peirani, sotto la direzione del compositore norvegese Geir Lysne. Lysne collabora da alcuni anni con Bollani. Insieme hanno vinto nel 2013 il premio Echo Jazz. Lysne è conosciuto per le sue rielaborazioni di musicisti come Monteverdi, Rossini, Leoncavallo e Puccini. La loro musica incontra nei concerti del Trio le colonne sonore di Ennio Morricone.
Ore 20. Berliner Philharmonie, Herbert-von-Karajan-Str. 1.

MARTEDÌ 13 GIUGNO

Wolfsburg: Tutto Morricone

Concerto del Duomo Ensemble composto da Roberto Porroni alla chitarra, Pier Filippo Barbano al flauto, Germana Porcu al violino, Antonello Leofreddi alla viola e Marcella Schiavelli al violoncello.
Ore 19.30. Castello di Wolfsburg, Gartensaal, Schloßstr. 8.  

MERCOLEDÌ 14 GIUGNO

Amburgo: Von Vätern und Töchtern. Verdis Rigoletto
 Conferenza di Volker Wacker del Teatro dell'Opera di Amburgo con immagini e musica. Wacker presente la famosa opera di Verdi, analizzando il rapporto padre-figlia, così come è presente nell’opera.
Ore 18.30. Istituto italiano di cultura, Hansastr. 6.  

Berlino: Europakultur. Ein Kontinent in Bewegung
Discussione e lettura con la scrittrice italo-slovena Jarmila Ockayová e con lo scrittore italo- tedesco Gino Chiellino. La crescente mobilità dei nostri tempi ci porta in un mondo nel quale convivono diverse lingue e culture. Così l'apprendimento di nuovi suoni, parole e strutture della frase è al centro di ogni esistenza in una nazione inizialmente ancora straniera. Proprio per questo l'estraneo diventa il proprio. È una riscoperta del mondo attraverso gli occhi di un'altra lingua.
Il plurilinguismo è, in questo senso, il fenomeno principale della mobilità umana. Ma nella storia non è l'eccezione, bensì la regola. Anche dal punto di vista letterario è una costante della cultura europea che oggi è particolarmente sensibile ai processi di migrazione. Nel corso della manifestazione sul tema "Scambio di lingue" si discuterà di questi punti con Jarmila Očkayová e Gino Chiellino. In tedesco con traduzione simultanea in italiano. Jarmila Očkayová, nata in Slovacchia nel 1955, vive in Italia dal 1974. In giovane età scrisse in slovacco, e dopo una lunga pausa creativa, da ormai oltre 30 anni, porta avanti la sua opera in italiano. Nei suoi lavori si occupa specialmente dei temi dell'immigrazione e della ricerca dell'identità. Gino Chiellino, nato nel 1946 in Calabria, formato a Roma, in Germania dal 1970, vive ad Augusta. Cofondatore della letteratura interculturale nella lingua tedesca. Lirico, saggista, traduttore. Premio Adalbert-von- Chamisso nel 1987. Evento culturale congiunto dell'Istituto Italiano di Cultura e dell'Istituto Slovacco in collaborazione con l'EUNIC di Berlino, la rappresentanza della Commissione Europea in Germania e l'Ufficio d'Informazione del Parlamento Europeo come anche del Laboratorio della Letteratura di Berlino.
Ore 19. Istituto italiano di cultura, Hildebrandstr. 2.

GIOVEDÌ 15 GIUGNO

Amburgo:
Veloce come il vento
Proiezione del film di Matteo Rovere. La passione per i motori scorre da sempre nelle vene di Giulia De Martino. Viene da una famiglia che da generazioni sforna campioni di corse automobilistiche. Anche lei è un pilota, un talento eccezionale che a soli diciassette anni partecipa al Campionato GT, sotto la guida del padre Mario. Ma un giorno tutto cambia e Giulia si trova a dover affrontare da sola la pista e la vita. A complicare la situazione il ritorno inaspettato del fratello Loris, ex pilota ormai totalmente inaffidabile, ma dotato di uno straordinario sesto senso per la guida. Saranno obbligati a lavorare insieme, in un susseguirsi di adrenalina ed emozioni che farà scoprire loro quanto sia difficile e importante provare ad essere una famiglia. Sarà presente alla proiezione il regista Matteo Rovere e l'attrice Roberta Mattei. Versione originale con sottotitoli in tedesco, vietato ai minori di anni 12.
Ore19. Metropolis Kino, Kleine Theaterstraße 10.

Berlino: Tavola rotonda sulla mobilità
Tavola rotonda organizzata in collaborazione con il Comites Berlino, che tratterà il tema della mobilità europea dell'ultimo decennio con un'attenta analisi sociale delle sue caratteristiche, prospettive e opportunità. Da storico paese di emigrazione l'Italia è diventata dalla fine degli anni Settanta un Paese di immigrazione. Oggi è tornato ad essere territorio di nuove partenze. Qual è quindi il volto dell'Italia migrante? Come si è trasformata la mobilità italiana e degli italiani? Quali sono le opportunità che si aprono a questi nuovi "nomadi" in un contesto europeo e che ruolo ha e può avere in questi movimenti la concezione di una propria "identità europea"? Attorno a queste domande si svolgerà il dibattito tra Delfina Licata, curatrice del rapporto Italiani nel Mondo della Fondazione Migrantes, Luciana Degano-Kieser, medico psicoanalista, Presidente della Associazione Salutare e.V. e Edith Pichler, Politologa dell'Università di Potsdam, Istituto di Scienze Sociali e membro del Rat für Migration. Degano e Pichler sono anche membri della Presidenza del Comites Berlino, l'organismo di rappresentanza di tutti i connazionali residenti nella Circoscrizione di Berlino. Il dibattito si terrà in lingua italiana e la moderazione sarà a cura di Andrea Dernbach, Der Tagesspiegel.
Ore 19. Istituto italiano di cultura, Hildebrandstr. 2.

Düsseldorf: Il volo
Concerto del gruppo "Il volo", che presenta il suo nuovo album: "Notte magica". Il Volo è un gruppo musicale italiano costituito da due tenori e un baritono: Piero Barone, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble.
Ore 20. Mitsubishi Electric Halle, Siegburger Str. 15. 

VENERDÌ 16 GIUGNO

Wolfsburg: Klassik für Dummis
Nell'ambito del Festival "Internationale Sommerbühne", concerto: "Klassik für Dummies" della Microband composta da Luca Domenicali e Danilo Maggio.
Ore 20. Castello di Wolfsburg, Schloßstr. 8.

Russelsheim: Zucchero, Nannini, Fabi
Una notte italiana è il titolo del concerto che vede come protagonisti Zucchero Fornaciari, Gianna Nannini e Niccolò Fabi. In programma grandi successi dei tre artisti.
Ore 18. Hessentagsarena, Friedrich-Lutzmann-Ring 1. 

La Società Dante Alighieri, in occasione della XVII edizione della Settimana della lingua italiana nel Mondo, promossa dalla Direzione Generale del Sistema Paese del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (che avrà per tema quest'anno "L'italiano al cinema. L'italiano nel cinema"), in collaborazione con la Confederazione Svizzera, offre la possibilità ai giovani registi emergenti (e non) di età compresa tra i 18 e i 26 anni di tutte le nazionalità, di partecipare con un proprio cortometraggio al concorso cinematografico sul tema: "Come dentro uno specchio. L'Italia vista fuori dall'Italia". Al concorso si può partecipare fino al 15 settembre 2017. Il bando di concorso si può trovare sul sito dell'Istituto italiano di cultura di Berlino.

MOSTRE

Amburgo: Via! Fotografia di strada da Amburgo a Palermo
Il progetto fotografico, ideato dall'Istituto di cultura di Amburgo e dal Goethe Institut, presenta le foto di cinque fotografi italiani e cinque tedeschi, che hanno raccolto immagini di quotidianità tra Amburgo e Palermo. L'Italia è rappresentata da Umberto Verdoliva ("Street Photographers", "SPontanea"), Mary Cimetta e Stefano Mirabella (beide "SPontanea") come anche Michele Liberti ("EyeGoBananas") e Giorgio Scalici. Gli artisti tedeschi sono: Fabian Schreyer ("The Street Collective") e "In-Public"-Mitglied Siegfried Hansen, Guido Steenkamp, l'olandese che vive a Berlino Marga van den Meydenberg come anche Michael "Monty". May.
Fino all’8 settembre. Istituto italiano di cultura, Hansastr. 6.

Zwischen allen Stühlen

Mostra "Tra più fuochi": dettaglio di una sala

Berlino: Tra più fuochi. La storia degli internati militari italiani in Germania tra il 1943 e il 1945
Un'esposizione di oggetti e reperti unici dedicata agli IMI presso il Centro di documentazione sul lavoro forzato di Schöneweide – Fondazione Topografia del Terrore di Berlino. Oltre ad onorare la memoria degli oltre 650.000 Internati Militari Italiani nei lager nazisti, l'esposizione permanente conferma l’interesse e la disponibilità a proseguire nella costruzione di una cultura della memoria condivisa degli orrori del passato anche a monito per il futuro, in coerenza con l'impegno assunto nel dicembre 2012 da Italia e Germania per non dimenticare questo doloroso capitolo della nostra storia recente. Il Centro di documentazione sul lavoro forzato durante il Nazionalsocialismo intende favorire la conoscenza e la memoria del dramma vissuto, durante il regime nazista, da circa 12 milioni di uomini, donne, ragazzi e bambini in tutta Europa.L'Istituto Alcide Cervi ha contribuito con un documento, visibile anche sul portale multimediale dell'Istituto. Si tratta della scheda di congedo di Iames Lusetti, internato militare italiano originario di Gattatico e registrato presso lo Stalag X A di Schleswig: il documento è datato agosto 1944 e rappresenta il passaggio degli IMI a "lavoratori civili", allo scopo di mitigarne così le difficili condizioni di vita.
Mostra permanente. Dokumentationszentrum NS-Zwangsarbeit, Britzer Str. 5.

Berlino: Claudio Magris. L'argonauta.
Le fotogrfie in bianco e nero di Danilo De Marco, tra le quali numerosi sono i ritratti di Claudio Magris, prendono ispirazione dall'opera letteraria dell'autore triestino, con cui instaurano un affascinante dialogo. In primo piano non ci sono solo luoghi come il Caffè S. Marco, bensì anche i temi attorno ai quali ruota l'opera di Magris: l'utopia, il mare, il viaggio. Danilo De Marco, fotografo, reporter e giornalista, attualmente vive a Parigi dopo aver vagabondato per molti paesi. La mostra è integrata dal video di Augusta Eniti: "Viaggi nella parola. Intervista a Claudio Magris".
Fino al 12 giugno. Istituto italiano di cultura, Hildebrandstr. 2.

Colonia: Habit cycle
Inaugurazione della mostra di Emanuele Soavi. La mostra presenta foto che documentano la collaborazione tra il fotografo Joris-Jan Bos e il Label Emanuele Soavi incompany. In particolare le foto mostrano le coreografie di Emanuele Soavi.
Fino al 9 luglio. Galerie Freiraum Köln, Gottesweg 116.

Colonia: L'Italia di Dante. Sulle orme della "Divina Commedia"
Nell'ambito delle Giornate di studi italo-tedeschi. Illustrazioni di capolavori letterari in Italia e in Germania. L'Italia di Dante. Sulle orme della "Divina Commedia" – Fotografie di Pitt Koch.
Fino al 14 giugno. Istituto italiano di cultura, Universitätsstr. 81.

Colonia: Morgen ist der erste Tag vom Rest deines Lebens
"Morgen ist der erste Tag vom Rest deines Lebens" - dice un detto indiano e tale è diventato anche il motto dei ragazzi che hanno partecipato al workshop di fotografia, il cui risultato viene presentato alla mostra. Si è trattato di un momento di riflessione su se stessi, di un "viaggio" nel passato, nel presente e nel futuro scoprendo il mondo della fotografia e mettendola al servizio del pensiero. I ragazzi autori delle foto sono alunni del liceo di Colonia "Italo Svevo".
Mondo aperto e.V., Zugweg 22.

Fellbach: A casa in un paese straniero
Gastarbeiter italiani e greci a Fellbach. La mostra temporanea descrive il "pendolarismo" tra Paesi e culture, nonché tra lingue, tradizioni e mentalità diverse. Per comprendere meglio il fenomeno in questione sono stati intervistati i lavoratori ospiti della prima ora e i loro figli. È stata data dunque la parola a chi ha deciso di restare in Germania e ha scelto di vivere la propria vita in un Paese straniero, ormai diventato tuttavia un luogo in cui sentirsi pienamente "a casa". Nell'ambito del 6. Europäischen Kultursommers Fellbach 2017.
Fino al 22 ottobre. Stadtmuseum, Hintere Str. 26.

Monaco: Arte Sella. The contemporary mountain
Un processo creativo unico, che, nell'arco di un cammino più che ventennale, ha visto incontrarsi linguaggi artistici, sensibilità e ispirazioni diversi accomunati dal desiderio di intessere un fecondo e continuo dialogo tra la creatività ed il mondo naturale. Nel tempo, più di 300 artisti si sono avvicendati in questo percorso, consegnando alla Val di Sella (Borgo Valsugana, Trentino, Italia) e alle cure dell'Associazione Arte Sella il loro lavoro. Arte Sella è così diventata sempre più una possibilità, un luogo, un’occasione di sperimentazione e di crescita creativa in continuo dialogo ed ascolto con i mondi della musica, dello spettacolo, della fotografia e della cultura nelle sue molteplici sfaccettature.
Fino al 30 giugno. Istituto Italiano di Cultura, Hermann-Schmid-Straße 8.

Christoph Brech: Terrasse über dem Nicchione, Blick auf St. Peter

Christoph Brech: Terrasse über dem Nicchione, Blick auf St. Peter

Paderborn: Wunder Roms im Blick des Nordens
La mostra presenta alcuni prestiti
provenienti dai Musei Capitolini romani. Tra di essi la mano della statua monumentale di Costantino, che per la prima volta si potrà ammirare in Germania. La mano destra dell'imperatore ha un'altezza di 1,70 m. Mentre tutta la statua era alta 15 metri. Inoltre nella mostra si possono ammirare le palle di bronzo degli obelischi vaticani e la testa di uno dei figli di Costantino. Tutte le opere che sono esposte a Paderborn, sono tra le più importanti attrazioni presenti nei Musei Capitolini.
Fino al 13 agosto. Erzbischöfliches Diözesanmuseum, Markt 17.   

Potsdam: Museo Barberini
Il Museo Barberini apre le sue porte con un edificio decisamente imponente, ricostruito secondo il modello del Palais Barberini, fatto erigere da Federico II seguendo il modello del Palazzo Barberini di Roma e distrutto durante la seconda Guerra Mondiale. Il museo apre ufficialmente il 23 gennaio con tre mostre: "Impressionismo. L'arte del paesaggio."; "Classici della modernità – Nolde, Kandinsky, Liebermann, Munch" e "Artisti della DDR".
Museum Barberini, Alter Markt- Humboldtstraße 5–6.

Stand: 08.06.2017, 17:46